Serie A, da Piatek a Defrel: quando i gol arrivano dal mercato

ROMA – Uno dei ritornelli più ricorrenti di queste estati di crisi è stato: più dei soldi contano le idee. Quante volte l’avete sentito, pensando magari che, sì, sarebbe bello se fosse vero ma in fondo chi ci crede. E invece, la Serie A pare essersi messa in testa di dar ragione a quei ds e presidenti che altezzosi sbandierano la loro competenza per far fronte alla mancanza di quattrini. Basta scorrere la classifica dei marcatori: non c’è solo Piatek, centravanti polacco col mito di Lewandowski da 8 gol in 7 gare che il presidente del Genoa Preziosi si convinse a comprare per appena 4,5 milioni mentre sgranocchiava un astice a Ibiza insieme all’agente Giuffrida.

Le idee circolano, e quando non hai 100 milioni per acquistare Cristiano Ronaldo qualcosa devi inventarti. Tanti hanno deciso di sedersi al banco del casinò del mercato e fare una puntata: azzardata, anche. Prendete Kevin Prince Boateng, che il Sassuolo ha preso senza spendere un euro scommettendo sulla sua voglia di rivincita (e ci credevano in pochi). Quattro gol, un rendimento eccellente sempre, comportamenti impeccabili uniti all’adattamento a un ruolo – quello di falso nueve – che pare tagliato sulle sue caratteristiche.

Serie A, da Piatek a Defrel: quando i gol arrivano dal mercatoKevin-Prince Boateng Fonte: Repubblica.it

Commenti

Questo articolo è stato letto 115 volte