Gli interventi di Gianfranco Coppola, Paolo Paganini, Alessando Canovi, Massimo Brambati e Mariano Bogliacino a Radio Marte

A Marte Sport Live su Radio Marte è intervenuto Gianfranco Coppola, giornalista

“De Laurentiis l’ho trovato molto ferrato, anche se un po’ impreparato sulla Var. E’ chiaro che alla ripresa del campionato ha lanciato qualche frecciatina. Ci sono stati molti episodi discutibili, ha fatto bene a sottolinearli. C’è una percentuale molto alta di errori e questo è preoccupante.

Il Napoli non ha più un allenatore che si lamenta delle Nazionali, Ancelotti ha avuto modo in queste settimane di testare anche quelli meno utilizzati. Il mister, uscito un po’ dai radar italiani, è in grande spolvero: ha recuperato molti calciatori. Ma non dimentichiamo che ci sono altri ragazzi che presto rientreranno dai box: Ghoulam e Meret su tutti. Cavani? Ma chi rinuncerebbe a metà stipendio? E’ complicato, ma dipende da Cavani e dal Psg. E’ chiaro che ci sono un po’ di problemi nello spogliatoio. A Cavani è chiesto un sacrificio incredibile, vedremo”.

A Marte Sport Live su Radio Marte è intervenuto Paolo Paganini, giornalista

“L’operazione Cavani è un po’ complessa e affinchè vada in porto, il calciatore dovrà ridursi lo stipendio. Il primo passo deve farlo Cavani anche perchè la disponibilità del Napoli c’è.

Todibo? So che Paratici gravita in quelle zone ed è molto bravo ad arrivare prima degli altri. Credo sia già andato a bussare a quella porta perchè in difesa la Juve in prospettiva deve adeguarsi e a giugno immagino farà qualcosa di importante”.

A Marte Sport Live su Radio Marte è intervenuto Alessandro Canovi, agente

“Vendere a poco prezzo non è un concetto di casa Psg che preferisce portare un calciatore alla fine del contratto e cederlo a parametro zero piuttosto che svenderlo. Cavani ha un ottimo ingaggio, meritato e per arrivare in azzurro dovrà ridursi lo stipendio, ma comprare dal Psg non è affatto semplice. Se il Psg non si qualificasse agli ottavi di finale di Champions avrà un grande contraccolpo per l’ambiente.

Todibo è un prodotto della scuola francese che è la federazione che ha vinto di più a livello mondiale in questi anni e questo significa che la scuola continua a tirare fuori campioni su campioni”.

A Marte Sport Live su Radio Marte è intervenuto Massimo Brambati, ex calciatore attuale procuratore

“Le dinamiche di mercato del Napoli e del Psg le conoscono solo i vertici dei due club. Certo, Cavani è un fuoriclasse e farebbe comodo a tante squadre, ma il Napoli sarebbe anche la destinazione preferita del Matador in quanto ha già detto no alla Juventus. So per certo che se dovesse tornare in Italia, lo farebbe solo al Napoli, m,a il problema però sussiste nella forma economica dell’affare. Non solo il Psg dovrebbe darlo in prestito e neppure tanto oneroso, ma poi il giocatore dovrebbe decurtarsi l’ingaggio di parecchio.

Koulibaly è cresciuto tantissimo e deve la sua crescita a Sarri. Mi ricordo che con Benitez era un giocatore diverso, forte fisicamente ma un disastro tecnicamente. Con Sarri invece ha imparato molto ed ha acquisito un tempismo eccezionale e fa reparto da solo”.

A Marte Sport Live su Radio Marte è intervenuto Mariano Bogliacino, ex centrocampista del Napoli attualmente al Plaza Colonia

“Seguo sempre il Napoli, quando non gioco e posso vederlo, lo faccio sempre. Sono tifoso del Napoli e dei napoletani.

Cavani non è felice a Parigi, si vede dalla faccia. Poi, quando gioca lascia sempre il segno. Mi piacerebbe vederlo ancora una volta a Napoli e la sensazione è che non sia tanto comodo a Parigi.

Il Napoli ha una grande squadra, è allenata da un ottimo tecnico che riesce a dare tranquillità anche nei momenti difficili e come sempre lo scudetto sarà duro, ma il Napoli deve provarci fino alla fine e battersi con la Juventus.

In Uruguay ci sono tanti buoni giocatori, non ce n’è uno migliore degli altri. Oliva del Penarol a centrocampo mi piace, gioca bene.

Appena posso, tornerò a Napoli, la città mi manca e voglio portare i miei figli che sono napoletani al San Paolo”.

Commenti

Questo articolo è stato letto 684 volte