Gli interventi di Francesco Montervino e Carlo Genta a Radio Crc

In diretta a ‘Un Calcio Alla Radio’, trasmissione in onda su Radio CRC, è intervenuto Francesco Montervino, ex calciatore ed ex capitano del Napoli: “Sensi? Credo che abbia grandissima qualità. Secondo me è più un centrale, che una mezz’ala. Non credo abbia il passo per fare questo ruolo. Sensi giocatore da Napoli? Mi dispiace dirlo, lo ritengo un buon giocatore, ma in questo momento servono giocatori che facciano fare il salto di qualità. Il Napoli oggi per migliorare ha bisogno di giocatori forti, forti, forti. Il Napoli deve pensare al Salisburgo? Devo essere onesto, per quanto sia importante la partita col Salisburgo, credo che il passaggio del turno sia ipotecato. Sicuramente Maksimovic e Koulibaly sono giocatori che possono fare la differenza, ma il 3-0 mi sembra un risultato sicuro. Queste sono quelle partite che ti identificano come squadra che sta crescendo. Il Napoli non può andare a Salisburgo e prendere 4 gol, sarebbe da folli. Meret? Finalmente c’è un portiere di grande livello. Credo che giovedì si sia visto chi è il vero Alex Meret e ha dei grandi margini di miglioramento. Come Zoff? Piano con i paragoni (ride ndr)”.

In diretta a ‘Un Calcio Alla Radio’, trasmissione in onda su Radio CRC, è intervenuto Carlo Genta, giornalista di Radio 24: “Milan, Inter e Roma chi cade dalla torre? Credo l’Inter. Ranieri farà bene? La Roma ha bisogno di fare delle cose semplici ed essenziali. Niente artifici tattici. Ranieri andrà lì e cercherà di mettere i suoi giocatori migliori nelle condizioni di fare meglio. Vorrà vedere i suoi calciatori sorridenti. A Napoli avete l’esempio di allenatore intelligente. A me piacciono quelli che vincono. Ancelotti fa vedere calcio? Perché ha giocatori di talento. Guardiola alla Juve? La sento bisbigliare. Secondo me la Juve in questo momento è una squadra che deve raccogliere e non seminare. In entrambi i casi credo che debba ricominciare, ma ricominciare da una base già costruita. Senza quarti stagione fallimentare? Sì perché non si realizza l’obiettivo primario. Ancelotti comunque sta facendo una stagione eccellente. Io credo che questo Napoli sia l’usato sicuro di Sarri. Non credo che sarà la stessa squadra che vedremo l’anno prossimo. Ancelotti sta studiando chi è funzionale a lui per l’anno prossimo. Sta cercando di spremere al meglio i senatori. Napoli dove arriva in Europa League? Ancelotti è un condottiero di cui mi fiderei cecamente. Io vorrei il Chelsea ai quarti perché diventa la fionda che ti spara a Baku. Anno di transizione? È certamente un anno di transizione, che se poi arrivi a Baku diventa un anno di transizione d’oro. Icardi? Posizioni troppo distanti. Sarei curioso di rivederlo in campo con l’Inter. Scambio con Dybala ci credo? Abbastanza, sono quelle cose da Juventus. Sono convinto che Icardi alla Juve spacchi le reti. Dybala all’Inter sarebbe perfetto. Ronaldo ha bisogno di una punta vicino a cui giocare. Lozano giusto per Napoli? È un bel giocatore in attesa di conferma. Anche qui il Napoli deve fidarsi di Ancelotti e andare su giocatori che non siano una scommessa”.

Commenti

Questo articolo è stato letto 412 volte