Ancelotti si tifosi: mi auguro arrivi James Rodriguez, può giocare in varie posizioni

Carlo Ancelotti ha incontrato i tifosi a Folgarida nel quarto giorno del ritiro di Dimaro e ha risposto alle loro domande.

Che modulo adotterai in campionato e Champions?
“Sarà lo stesso dello scorso anno, è rimasto il 4-4-2 tutto l’anno e rimarrà così anche quest’anno, alternando in fase di costruzione. Si parla tanto di sistemi, 4-4-2, 4-5-1, ma i numeri sono legati solo all’aspetto difensivo, quando la squadra non ha la palla. Noi non attacchiamo mai con quattro difensori, a volte tre o due, anche il centrocampo a volte tre o due, a volte gli attaccanti sono quatto. La dicitura del sistema di gioco è legata solo all’aspetto difensivo, si può vedere solo in alcune situazioni quando la palla non ce l’hai”.
James ricoprirebbe lo stesso ruolo del Bayern?

“Non so se arriva, ce lo auguriamo! Lo conosco molto bene, può giocare in qualsiasi posizione del centrocampo, dietro la punta, a destra, anche perchè a noi piace utilizzare le ali pure ma giocatori che giocano dentro al campo anche se sono esterni, il posizionamento eventuale non è problema, è molto adattabile e può giocare in tante posizioni”.

Quali sono le strategie per il prossimo anno?
“Come l’anno scorso, è stato un anno positivo ma nella seconda parte della stagione poteva andare meglio, quest’anno dobbiamo fare qualcosa in più, sono sicuro che lo faremo, abbiamo più certezze ed un gioco consolidato, due innesti sono arrivati e qualcun’altro arriverà, la squadra sarà migliore”.

C’è la possibilità che Mario Rui Vada via? Chi potrebbe sostituirlo?
“Parliamo del momento, il momento è che abbiamo tre terzini, Di Lorenzo, Malcuit ed Hysaj che arriverà il 12, mentre sulla sinistra due terzini che sono Mario Rui e Ghoulam. L’anno scorso per Faouzi è stato un anno di recupero, si è presentato in condizione ottimale. Non abbiamo intenzione di cedere nessuno, ma se c’è la volontà da parte di qualcuno di intraprendere altre esperienze le prenderò in considerazione”.

Come ti sei trovato il primo anno nel Napoli? Il Napoli vincerà lo Scudetto?
“Mi sono trovato molto bene, con squadra, città, il centro sportivo. Lo considero un anno di adattamento, vogliamo riuscire a tirare fuori il meglio quest’anno”.

Cosa pensa dell’europeo di Fabiàn?
“E’ stato il migliore, sono molto contento. Sta facendo molto bene anche Ounas, Koulibaly, anche Allan che non ha avuto molta continuità ma ha dato il suo contributo per la vittoria del Brasile. Siamo contenti che i nostri giocatori si facciano valere con le loro nazionali”.

Sarebbe d’accordo alla 10 per James?
“Figurati se sto a pensare che maglia può mettere. L’importante è che sia la maglia azzurra, e poi si vede! C’è molta attesa e frenesia, ma ci vuole tempo e pazienza”.

Con l’arrivo di Di Lorenzo, Manolas, Elmas e magari James, questo gap con la Juve si potrebbe colmare?
“Credo non sia solo un problema di giocatori che arrivano o partono, è un problema ambientale, motivazionale, di qualità. Bisogna essere più continui, avere più entusiaso intorno, avere uno stadio con più entusiasmo rispetto allo scorso anno aiuta a colmare il gap, è una serie di piccole cose. Un gioco più aggressivo, di qualità, un ambiente che ci sostiene di più, tutto questo fa si che il gap possa essere colmato”.

Togliendo la discrezionalità agli arbitri, il campionato può diventare più equo?
“Sulla discrezionalità è un po’ complicato, questo rende complicato anche il lavoro dell’arbitro. Quando la regola è soggettiva, per esempio riguardo il fallo di mano, diventa una discrezionalità arbitrale anche se col Var siamo migliorati. Il calcio è uno sport un po’ particolare, è permesso il contatto ma non tutti i contatti sono fallosi, non tutti i falli di mano sono fallosi. Bisogna semplificare la regola”.

Ti piace più Lozano o Icardi?
“Sono due giocatori diversi, uno un finalizzatore legato ad un ruolo di centravanti, l’altro è più un attaccante moderno che può giocare in tante direzioni. Sono tutti nomi interessanti, il problema è che a giocatori di questo livello non è interessato solo il Napoli ma tante altre squadre”.

Preferiresti James o Icardi?
“Mah, è difficile rispondere a questa domanda. Sono due ottimi giocatori, ma queste domande mi mettono in difficoltà, rispondere su giocatori che non sono qui vorrebbe dire sminuire invece quelli che sono qui”.

Insigne per Icardi?
“No, Insigne è il capitano del Napoli e siamo tutti contenti che resti qua!”.

Cosa manca al Napoli per arrivare in fondo alla Champions?
“Beh, qualcosa sicuramente manca. L’anno scorso abbiamo beccato un girone difficilissimo, quest’anno vogliamo migliorare la nostra qualità sotto tutti gli aspetti, sperando di non beccare un girone così difficile. Abbiamo beccato la squadra che ha vinto la Champions dalla terza fascia, ed abbiamo avuto il piacere di batterli quando abbiamo giocato al San Paolo”.

Perchè Koulibaly non è il capitano?
“Ci sono delle gerachie da rispettare, ma per me la fascia non è così importante, può essere capitano anche qualcuno che non ha la fascia, che è rispettato dai compagni e rappresenta un esempio. Essere capitano è una responsabilità importante perchè rappresenta la squadra con il comportamento e la serietà, ma in una squadra è importante avere tanti giocatori che mostrano serietà, Faouzi potrebbe essere tranquillamente capitano in questo senso”.

Ha fatto delle richieste al presidente o si accontenta?
“Non c’è molta chiarezza su questo. Questa è una società strutturata con il direttore sportivo con cui parlo tutti i giorni, con cui si fanno valutazioni della rosa in tutti i momenti. Alla fine della stagione si valuta come migliorare la rosa, poi ci si scontra con il mercato. Tutti vorrebbero comprare Messi, ma ci sono giocatori incedibili, che hanno piacere di venire al Napoli, altri vogliono vedere cosa succede sul mercato per poi decidere se venire a Napoli o meno. Noi cerchiamo giocatori funzionali e motivati, se il Napoli viene considerata una priorità allora si fanno tutti gli sforzi, altrimenti si cerca altro”.

Quando arriva Mertens?
“Mertens, Milik, Zilienski, Hysaj, Mario Rui il 12. Il 13 arrivano Insigne e Manolas, il 18 Meret. Fabiàn arriverà invece a Napoli, Allan il 7 direttamente a Miami, anche Ospina verrà lì. Koulibaly non si sa, ma perchè non si sa quando finirà la Coppa d’Africa”.

Manovra offensiva eccessivamente elaborata?
“Non credo, rispetto agli altri anni era meno elaborata, abbiamo giocato tanto in verticale. E’ mancata un po’ di precisione, freddezza, lucidità. Titolare Mertens o Milik? Hanno dimostrato di poter giocare insieme, sono due giocatori intelligenti, magari Milik più adatto per un certo tipo di partite e Mertens per altre”.

Verdi andrà al Torino?
“Non lo so, per il momento si sta allenando qui e lo sta facendo bene. Poteva giocare qualche partita in più lo scorso anno, ha fatto però molto bene contro la Roma e contro il Torino. Non ha espresso tutto il suo potenziale ma avuto problemi alla caviglia, problemi muscolari, è una situazione che valuteremo se ci sarà la volontà del giocatore di andare altrove”.

Commenti

Questo articolo è stato letto 589 volte

avatar

Vincenzo Letizia

Giornalista sportivo, nasce a Napoli il 16/02/1972. Tante le esperienze professionali: collaboratore dei quotidiani “IL TEMPO”, “NAPOLI NORD”, “LA VERITA'”, “DOSSIER MAGAZINE”, “CRONACHE DI NAPOLI”, dei mensili “L’OASI” e “IL VOMERESE”. Corrispondente da Napoli del quotidiano “IL GOLFO”, redattore del periodico “CORRIERE DEL PALLONE”, direttore editoriale del settimanale di scommesse sportive 'PianetAzzurro FreeBet'. Responsabile dei servizi sportivi del “CORRIERE DI CASERTA”. Tra i collaboratori del ‘laboratorio di giornalismo e di comunicazione’ diretto da Michele Plastino. Inviato della trasmissione radiofonica “ZONA MISTA” in onda su CRC targato Italia. Più volte ospite alle trasmissioni televisive “Campania Sport” e “PANE E PALLONE” in onda su Canale 21, “ULTRAZOOM” in onda su TCS, “TRIBUNA Sport” in onda su Televomero, “Sotto Rete” in onda su TLA. Ideatore ed opinionista della trasmissione WEB/RADIO 'MONDO CALCIO' andata in onda sulla Tele5 Napoli tutti i lunedì alle 18,00 e i venerdì alle 21,30. Ha curato ogni sabato pomeriggio, intorno alle ore 16,30, la rubrica radiofonica su 'RADIO PUNTO ZERO' (FM 102.00) 'LA BOLLETTA' all'interno del seguitissimo programma 'Zero Magazine' in onda dalle 16:00 alle 19:00 (su www.rpz.it in Live Streaming). Ideatore e conduttore del programma TV 'CALCIOMERCATO & SCOMMESSE MONDIALI' andato in onda su Area Blu TV durante il Mondiale sudafricano. Opinionista fisso del programma TV 'AREA AZZURRI' in onda tutti i martedì alle ore 21 sul digitale terrestre 'AREA BLU TV'. Ospite fisso della trasmissione "SORRISI E PALLONI" in onda su Radio Punto Nuovo e su Capri Event TV. Opinionista della trasmissione televisiva "NAPOLI CALCIO LIFE" in onda su Capri Event TV e TeleCapri Sport. Autore e produttore della trasmissione televisiva "PIANETAZZURRO TV" in onda su RTN. ATTUALMENTE: presidente dell'associazione giornalistica AGiCaV; direttore editoriale del periodico cartaceo “PIANETAZZURRO” ; direttore generale dell'omonimo portale sportivo www.pianetazzurro.it , del sito di cronaca e intrattenimento www.campaniaveritas.it e della guida gastronomica www.golosando.eu