Gli interventi di Mimmo Carratelli, Stefan Schwoch, Leonardo Vivard, Alessandro Renica e Antonio Giordano a Radi oMarte

A Radio Marte, nel corso di Marte Sport Live è intervenuto Mimmo Carratelli, giornalista

“Ancelotti dice che va tutto bene, ma quello che deprime  che il Napoli non ha più un’idea di gioco. Il mister dice che la squadra si impegna, ma non dà spiegazioni. Mertens è sembrato uno dei pochi ieri a crederci, ma in una squadra che non funziona non può fare di più. E’ il secondo anno di Ancelotti, sono stati acquistati giocatori per 100 milioni, ma visto che doveva esserci un miglioramento e non ci è stato, il tecnico deve spiegarci quello che sta succedendo. 

Ancelotti difende la squadra perché così facendo difende se stesso. Il Napoli ha perso l’anima e questa la dà l’allenatore che lo scorso anno ha vivacchiato, ma non è mai riuscito a dare un gioco a questa squadra. 

La vittoria del Napoli sul Liverpool è stata idealizzata oltre ogni limite per cui il Liverpool ci ha illuso, il Cagliari ci ha deluso e il Torino ci ha mandati a quel paese. 

Insigne è un equivoco: se l’allenatore non crede in lui, bisogna fare un taglio netto e fare una formazione senza di lui”. 

A Radio Marte, nel corso di Marte Sport Live è intervenuto Stefan Schwoch, ex calciatore del Napoli

“In ritiro il Napoli ha provato il 4-2-3-1, poi però è tornato al 4-4-2 che è il modulo che ha sempre utilizzato nella sua carriera, è il sistema di gioco che conosce meglio e non si discute come allenatore, ma è chiaro che il Napoli ha qualche problemino e dare certezze può aiutare. Ad esempio, se Mertens e Llorente sono gli uomini più in forma, non devono essere sostituiti perchè l’attaccante è un ruolo delicato e quando è in fiducia deve stare in campo”. 

A Radio Marte, nel corso di Marte Sport Live è intervenuto Leonardo Vivard, giornalista

“Questo Napoli è il più forte nella sua interezza da quando c’è De Laurentiis al comando perché ora l’allenatore può alternare i giocatori senza alterare il valore in campo. 

Anche contro il Lecce, il Napoli nel primo tempo ha subito ed ha visto il Meret l’uomo su decisivo e se andiamo a vedere le pagelle, il portiere azzurro è quasi sempre quello che prende i voti più alti”. 

A Radio Marte, nel corso di Marte Sport Live è intervenuto Alessandro Renica, ex azzurro

“Le grandi squadre devono essere regolari invece il Napoli ha dei momenti in cui illude in cui è altamente competitivo, ma poi va in confusione e perde punti contro squadre più deboli. Questi problemi devono essere risulti per non compromettere la stagione. 

Il Napoli è stato rinforzato, la campagna acquisti è stata interessante, poi è chiaro che si trova a competere con squadre che spendono di più come la Juve, ma il Napoli deve fare il suo percorso. 

In Italia tutti vogliamo fare gli allenatori, io critico, ma ho fiducia e rispetto in Ancelotti e sono sicuro che conosce perfettamente il calcio e verrà fuori da questa situazione.

Non voglio fare polemica, ma mentre quel fallo del centrocampista della Juve poteva rompere la gamba all’avversario, il Napoli non si vede dato un rigore per quel allo su Ghoulam”. 

A Radio Marte, nel corso di Marte Sport Live è intervenuto Antonio Giordano, giornalista

“Non posso pensare che il Napoli abbia un deficit atletico ad inizio ottobre. Non so se il Napoli non abbia idee o ne abbia talmente tante da andare in confusione. In quel sistema di gioco di ieri poi, il tridente ha saputo ritrovarsi anche perché la figura di Allan centrale è irripetibile. 

Il Napoli ancora una volta sta dimostrando che è ricco di bambini nel tempo perché non cresce mai.

Il Napoli non ha l’obbligo di vincere e stracciare i campionati, solo la Juve in Italia deve farlo, le altre hanno l’obbligo di credere in quello che fanno e deve essere chiaro a tutti”.  

Commenti

Questo articolo è stato letto 1254 volte