Gli interventi di Mauro Bergonzi, Gianluca Vigliotti, Giuseppe Galderisi e Antonio Giordano a Radio Marte

A Radio Marte, nel corso di Marte Sport Live è intervenuto Mauro Bergonzi, ex arbitro

“Il pallone viene giocato maldestramente da De Ligt e finisce sul braccio in maniera fortuita. Sono d’accordo con Irrati, non è calcio di rigore assolutamente perché il regolamento dice che se c‘è un tentativo di giocata non può essere punito. Forse poteva andare al monitor l’arbitro per rafforzare la decisione e darne mediaticità, ma se il var conferma la decisione è anche inutile andare a vedere l’episodio e sono d’accordo con il comportamento di Irrati. 

Turpin è un arbitro già abbastanza quotato, ha disputato molte partire importanti e predilige il dialogo. Salisburgo-Napoli è una gara delicata e per questo è stato designato un arbitro di esperienza”. 

A Radio Marte, nel corso di Marte Sport Live è intervenuto Gianluca Vigliotti, giornalista

“Da sabato sera sto studiando come un vecchio universitario perché dopo 48 ore non c’è ancora chiarezza sull’episodio De Ligt. Juve e Inter hanno un calendario morbido sulla porta mentre il Napoli avrà due scogli da superare: Atalanta e Roma e non potrà sbagliare mai tra campionato e Champions.

Salisburgo-Napoli? Basta non perdere. Il Genk non credo strapperà punti ad altre squadre e quindi il Napoli è costretto a fare risultato anche in casa del Salisburgo. Il Napoli può soffrire il dinamismo della squadra di casa che però regala tantissimo in difesa”.  

A Radio Marte, nel corso di Marte Sport Live è intervenuto Giuseppe Galderisi

“Il Napoli è stato bravo a portarsi a casa una vittoria importantissima contro il Verona che si è mostrata anche al San Paolo una squadra di tutto rispetto. 

E’ fondamentale la serenità per un attaccante e poi quando giochi un buon calcio alla fine raccogli sempre anche perché il Napoli ha in rosa buoni giocatori. Ancelotti cambierà molto e spesso, in base a chi avrà di fronte e può farlo perché in attacco ci sono varie possibilità. 

Ibrahimovic vorrebbe tornare in Italia e sta tastando il terreno.Napoli sarebbe perfetta per lui, la piazza ideale e uno come Ibra servirebbe a tutte le squadre italiane nonostante l’età”. 

A Radio Marte, nel corso di Marte Sport Live è intervenuto Antonio Giordano, giornalista

“Il rinnovo di Zielinski mi è sempre sembrato più complicato di quello di Milik. Non credo ci sarà mercoledì, col Salisburgo immagino che giocheranno Insigne e Mertens. Le prossime partite per il Napoli saranno decisive e neanche troppo semplici perché tra Salisburgo, Spal, Atalanta, Roma e Salisburgo ci passa una stagione. 

Ibrahimovic non lo prenderei fossi nel Napoli perché ha una personalità troppo forte e soffocherebbe gli altri. Pochi come lui hanno quella leadership, ma il Napoli ha già 7 attaccanti, tutti bravi e segnano quasi tutti tranne Younes”. 

Commenti

Questo articolo è stato letto 1025 volte