Gli interventi di Paolo Liguori, Niccolò Ceccarini, Giovanni Scotto e Luis Vinicio a Radio Marte

A Radio Marte, nel corso di Marte Sport Live è intervenuto Paolo Liguori, direttore TG Com

“L’ammutinamento è un episodio grave, ma semplice perché  appunto, legato ad un episodio. La società deve prenderlo come un segnale, un allarme. 

La Roma non ha una società, per questo sono spesso dalla parte del blocco forte dei giocatori. Florenzi è da 6 settimane che sta in panchina e non per motivi tecnici. Non facendolo giocare, la società pensa che la gente si dimentica di lui, rende la cessione meno dolorosa e lo salva dagli infortuni perché la Roma lo venderà e farà plusvalenza. 

Ancelotti ha vinto tutto partendo spesso in situazione di svantaggio e non deve dimostrare niente a nessuno. 

Ronaldo e quel suo andarsene mentre la patita è ancora in corso è stato fastidioso, ma lo sarebbe stato a prescindere da chi ha fatto quel gesto. Maradona ha sempre rispettato i compagni, tutta la squadra lo adorava”.  

A Radio Marte, nel corso di Marte Sport Live è intervenuto Niccolò Ceccarini, giornalista 

“Contro il Salisburgo ho visto un Napoli impreciso, ma in salute. Non avrei mai pensato ad una squadra in crisi, poi il post partita ha creato un po’ di caos, ma in campo non mi era per niente dispiaciuto. 

Mertens e Callejon non hanno preso in considerazione la proposta di rinnovo del Napoli. Non credo partano a gennaio, vogliono chiudere la stagione nel Napoli, poi però credo che a fine anno andranno via. Sono fiducioso invece sui rinnovi di Milik, Zielinski e Maksimovic”.  

A Radio Marte, nel corso di Marte Sport Live è intervenuto Giovannni Scotto

“Il provvedimento di De Laurentiis coprirà tutti gli uomini della rosa, tranne chi non era presente chiaramente quando è accaduto l’ammutinamento. Il presidente del Napoli poi, punta alla risoluzione dei contratti diritti di immagine per questa stagione anche perché non rientrano nella contrattualistica depositata in Lega. A De Laurentiis è stato fatto un grande danno di immagine e si rivalerà per una sorta di inadempienza verso tutti i calciatori e questo provvedimento andrebbe a colpire i big i cui compensi sono più cospicui. 

La società si aspetta da Ancelotti che riprenda la squadra in mano, la rimetta in campo e poi penserà al mercato”. 

A Radio Marte, nel corso di Marte Sport Live è intervenuto Luis Vinicio

“La rottura tra società e calciatori deve essere risolta perché c’è un futuro a cui pensare. Non so cosa sia successo dall’interno, ma nell’interesse di tutti, bisogna mettere il passato alle spalle e guardare avanti: i tifosi hanno bisogno di una squadra nuovamente combattiva in campo. Il Napoli ha bisogno di tranquillità.  

Ancelotti doveva prendere una posizione perché un allenatore deve sapere cosa accade nello spogliatoio e le intenzioni della squadra”. 

Commenti

Questo articolo è stato letto 1090 volte