Gli interventi di Mauro Bergonzi, Maurizio Pistocchi, Luca Marchetti, Gianni Di Marzio e Stefano Agresti a Radio Marte

A Radio Marte, nel corso di Marte Sport Live è intervenuto Mauro Bergonzi, ex arbitro

“Certe polemiche esistevano già quando c’erano gli arbitri di porta: si diceva che se c’era un arbitro esperto in porta e in campo invece uno più giovane, si ascoltava l’arbitro più esperto. Ciò che è vero invece, è che l’esperienza è un dato inconfutabile, ma esistono arbitri bravi e arbitri meno bravi. Esperienza e bravura sono doti che hai oppure non hai e quindi un arbitro esperto è anche bravo. 

Nella famosa gara con l’Atalanta, la cosa giusta era fischiare qualcosa: il fallo di Llorente oppure il rigore a favore del Napoli. 

Il challenge è una cosa di campo e potrebbe aiutare gli arbitri, potrebbe essere una cosa positiva. Sul rendere pubblici gli audio pubblici tra gli arbitri credo meno: non penso si arriverà a questo”. 

A Radio Marte, nel corso di Marte Sport Live è intervenuto Maurizio Pistocchi, giornalista

“Le tensioni nel calcio ci sono sempre state e sempre ci saranno, ma mi ha meravigliato il concetto espresso da Rizzoli quando ha parlato della Var. Ha detto che è stata inserita non per evitare gli errori, ma per aumentare la credibilità degli arbitri. La verità è che quest’ultima aumenta solo se gli arbitri non sbagliano. Sono d’accordo sul challenge: così si eviterebbero anche tante interruzioni perché se un allenatore sa che può usarne solo 2 a partite, non protesta per ogni stupidaggine, ma solo quando ritiene ci sia stato un errore evidente”. 

A Radio Marte, nel corso di Marte Sport Live è intervenuto Luca Marchetti, giornalista

“C’è ancora nervosismo in casa Napoli e le parole di Edo De Laurentiis ieri lo hanno dimostrato.

C’è una trattativa su Fabian Ruiz: il Napoli vuole riconoscere qualcosa in più al calciatore, poi che ci sia interesse da parte dei grandi club per Fabian, mi sembra anche abbastanza normale, ma se il Barcellona vuole prenderlo deve andare a parlare con De Laurentiis.

A centrocampo il Napoli può intervenire a gennaio prendendo anche un calciatore dalle caratteristiche differenti dagli uomini in rosa. Poi, c’è da capire se i giocatori richiesti sono disponibili a gennaio, in un mercato sempre molto strano. Il momento delicato dal Napoli può partire anche dagli arbitri e se si vince contro l’Atalanta magari tante cose si sarebbero evitate”.

A Radio Marte, nel corso di Marte Sport Live è intervenuto Gianni Di Marzio, allenatore

“Edo De Laurentiis poteva risparmiarsele certe dichiarazioni anche perché la stagione è nel pieno, ci sono tanti obiettivi da raggiungere e inasprire gli animi non è il caso. Mi fido della professionalità dei giocatori e di Ancelotti e Milano è già una tappa troppo importante. 

Gaetano nuovo Jorginho? Gaetano è ordinato, intelligente ed ha le caratteristiche per fare il playmaker. Ha però bisogno di giocare.

Non sono contento del gioco di Ancelotti perché la qualità della squadra è questa, probabilmente però mettendo i giocatori nel loro ruoli riescono a rendere al meglio”. 

A Radio Marte, nel corso di Marte Sport Live è intervenuto Stefano Agresti, giornalista

“Le dichiarazioni di Edo De Laurentiis sono destinate a far discutere ed evidenziano la crepa che c’è tra dirigenza e squadra. Non andando in ritiro, i calciatori hanno tradito il legame con la maglia, la frattura li ha portai ad avere un comportamento non corretto perché i calciatori possono dissentire dalla scelta della società, ma accettare le decisioni del club è obbligatorio per dei professionisti ben pagati. 

Ci sono tanti arbitri di livello modesto ecco perché gli errori non diminuiranno nonostante il chiarimento di ieri. Ci sono pochi arbitri di personalità ed alcuni sono anche tecnicamente modesti. Rocchi e Orsato rappresentano le garanzie, molti altri non sono di livello, ciò che fa rabbia è che sbaglino nonostante possano andare al Var.

I fratelli Della Valle sono molto legati ad Ascoli e potrebbero anche tornare visto che a Firenze non hanno dato quanto i fiorentini si aspettavano. Allegri invece è stato uno dei candidati alla panchina del Tottenham che è poi ha scelto Mourinho. Allegri pensando di rimanere fermo fino a giugno e innato sta studiando l’inglese. 

Milan-Napoli è una gara drammatica dal punto di vista sportivo perché chi perde va in grande difficoltà. Sul piano tecnico il Napoli è nettamente superiore, ma sabato sarà la testa a fare la differenza”. 

Commenti

Questo articolo è stato letto 320 volte