Sportitalia – Gattuso pronto per il Napoli: subentrerà ad Ancelotti dopo il Genk

Rino Gattuso aspetta il Napoli, con possibilità concrete (molto concrete) di arrivare a un accordo. Quando? Dopo la gara contro il Genk di domani, non lo escludiamo, oppure dopo Napoli-Parma del prossimo turno di campionato. Vi abbiamo svelato i contatti tra De Laurentiis e Jorge Mendes dei giorni scorsi, il pareggio di sabato scorso a Udine ha acuito le tensioni, i malcontenti, le polemiche. Ancelotti sa di non avere la squadra in pugno, sa che la polemica sul ritiro e l’ammutinamento con relative multe hanno lasciato irrimediabilmente il segno. Quasi impossibile andare avanti, non ci risulta che De Laurentiis abbia deciso di resistere fino a maggio per tutelare il contratto. La situazione è difficile, molto. Di aspetta il Genk per la qualificazione agli ottavi di Champions, al massimo il Parma. Difficilmente si andrà oltre. Non ci sono altri traghettatori previsti, anche perché Gattuso non è un traghettatore e ha chiesto 18 mesi di contratto. La Fiorentina aveva pensato a Gattuso, ma senza contatti diretti, veri: gli apprezzamenti, anche di Commisso, nulla più. Ancora due partire per Montella, ma già quella contro l’Inter di domenica sera è delicatissima. In caso di svolta, difficilmente sarebbe Gattuso il sostituto. Semplicemente perché Ringhio aspetta il Napoli. Gattuso più Ibrahimovic? Questo è un altro discorso: il Napoli è su Ibra da giorni,  ma è stato assillato da altri problemi, quelli di queste ore. Il legame tra Gattuso e Zlatan è fortissimo, ma c’è in religiosa attesa il Milan con il Bologna che fin qui si è limitato a un contatto tra Mihajlovic e il fuoriclasse svedese. Ma intanto il Napoli deve risolvere il quiz allenatore con Gattuso in attesa, molto più che alla finestra.

Alfredo Pedullà

Commenti