Gli interventi di Valentin Paoluzzi, Ciro Troise, Gigi De Canio e Pietro Lo Monaco a Radio Marte

A Radio Marte nel corso di “Marte Sport Live” è intervenuto Valentin Pauluzzi, giornalista 

“Il rilancio sullo stipendio credo sia voluto dal nuovo agente di Osimhen. E’ un paradosso perché cambiando procuratore, il Napoli ha solo un interlocutore con cui trattare e quindi può essere anche più semplice, ma D’Avila ha più esperienza e forse chiede una commissione più alta. Credo che il Napoli abbia valutato bene il tutto perché si parla di cifre altissime e nonostante il valore del ragazzo, parliamo ancora di un giovane. 

Il Lille ha bisogno di vendere e se riuscisse a chiudere la trattativa Osimhen a 80 milioni sarebbe già un buon punto di partenza. Oltretutto, il club ha già trovato in David, un canadese, il suo sostituto”. 

A Radio Marte nel corso di “Marte Sport Live” è intervenuto Ciro Troise, giornalista

“I tanti gol subiti dal Napoli credo siano frutto di una carenza sotto il profilo dell’applicazione mentale ed infatti, alcuni gol subiti sono simili. Gattuso chiede grande sacrificio agli esterni offensivi e non è sempre così semplice. 

Fabian e Zielinski sono più bravi ad attaccare che difendere, ma se Gattuso vuole tenere questo tipo di centrocampisti, può limitare i rischi con la partecipazione di tutta la squadra in fase difensiva”. 

A Radio Marte nel corso di “Marte Sport Live” è intervenuto Gigi De Canio, allenatore

“Il Napoli ha spiccate caratteristiche offensive: la squadra gioca, propone e ci può stare che perda un po’ le distanze e non funzioni tutto al massimo in difesa, ma se contiamo i punti ci rendiamo conto che nell’era Gattuso, il Napoli sarebbe al secondo posto. Questo vuol dire che la squadra azzurra ha subito qualche gol di troppo, ma ne ha anche segnati tanti. Non è il sistema di gioco a dover essere migliorato, perché i gol subiti sono frutto di disattenzione. E, non sottovaluterei le poche motivazioni degli azzurri che con l’obiettivo campionato ormai raggiunto, si concedono qualche distrazione, e tutto questo è comprensibile”. 

A Radio Marte nel corso di “Marte Sport Live” è intervenuto Pietro Lo Monaco, dirigente

“Quando Infront faceva da collante, aveva una percentuale di circa il 4% che equivaleva ad un incasso annuo intorno ai 44milioni di euro e quindi bene fa la serie A a cercare di produrre in proprio. Chi meglio di De Laurentiis può farsi promotore di questo progetto: staremo a vedere, ma l’iniziativa è lodevole. 

De Laurentiis nel consiglio federale? Per la serie A in questo momento ci sono Lotito e Marotta e se dovesse esservi qualche defezione, automaticamente, la Serie A dovrà proporre un altro nominativo. 

Osimhen è un profilo importante e potrebbe diventarlo anche di più nel campionato italiano, ma andare dietro ai giochi di mercato significa far acquisire al giocatore una quotazione non da Napoli”.

Commenti