Gli interventi di Andrea Di Caro, Paolo Stringara, Marco Lollobrigida e Walter Novellino a CalcioNapoli24 Live

Andrea Di Caro, vice direttore Gazzetta dello Sport, è intervenuto in diretta durante ‘Calcio Napoli 24 Live’ trasmissione in onda su CalcioNapoli24 TV (296 Digitale Terrestre) per parlare delle ultime di mercato del Napoli. Ecco quanto evidenziato da CN24: “Nel calcio italiano è difficile incontrare tutti, soprattutto con qualche giocatore in meno. Dopo il Genoa c’è stato il problema con la Juve e ora si affronta la capolista. Il Milan, dal canto suo, arriva senza allenatore e vice. Gli anni passati sono stati mitici, le sfide di un altro calcio con Maradona e Van Basten. In questa sfida, però, c’è Ibrahimovic, un totem che ha sfiorato gli azzurri nel recente passato e altri giocatori importanti. Poi c’è Insigne, un calciatore straordinario. Arrivano 1,65 miliardi per la serie A? Una buona notizia, siamo ad un passo dal burrone ed è linfa vitale. Non c’è più tempo da perdere. Non c’è più tempo da perdere. Non si sta parlando solo di diritti tv ma anche di modernizzazione del calcio italiano. Poi si discuterà sulla ripartizione di questa somma. Il calcio è composto da tante persone, non solo i calciatori: ci sono anche persone che guadagnano mille euro e far fallire una società è un grosso problema. Insigne? E’ nato con un pallone tra i piedi, si vede ed è cresciuto tanto”.
Paolo Stringara, ex allenatore di Insigne, è intervenuto in diretta durante ‘Calcio Napoli 24 Live’ trasmissione in onda su CalcioNapoli24 TV (296 Digitale Terrestre) per parlare delle ultime di mercato del Napoli. Ecco quanto evidenziato da CN24: “Lorenzo è un profeta in patria ed è dura per tutti, soprattutto a Napoli. Sei sempre al centro dell’attenzione: quando le cose vanno bene, tutti ti vogliono bene ma quando vanno male si complica tutto. A me piace quando spacca le partite. Ieri puntava sempre l’avversario. Questo deve fare, non tornare indietro quando ha la palla. Da ragazzo era vispo, umile: nella Cavese aveva un idolo che era Schetter, lo seguiva in tutto per apprendere il più possibile. Quando l’ho avuto io aveva 17 anni, ora è cresciuto ed è diventato altro calciatore. E’ il leader del Napoli. I paragoni si fanno sempore con Maradona, questo può inorgoglire qualsiasi calciatori. Cavese? Facevamo la gabbia il mercoledì, in uno spazio ristretto: c’era pochissimo spazio e tempo e lui faceva tunnel ad uno e all’altro e un calciatore mi disse che lo voleva in squadra con se. Il direttore dell’epoca mi portò questo ragazzino, ‘un divertimento per me’ diceva Pavone. alla fine è stato un divertimento per tutti”.
Marco Lollobrigida, giornalista Rai, è intervenuto durante ‘Calcio Napoli 24 Live’ trasmissione in onda su CalcioNapoli24 TV (296 Digitale Terrestre) per parlare delle ultime di mercato del Napoli. Ecco quanto evidenziato da CN24: “Questa Italia gioca un po’ alla Sarri, con Insigne che fa la differenza. Ci sono similitudini, ma non possiamo dire che Mancini ha preso da Sarri. Il ct fa da tanto quel tipo di calcio: possesso palla, dominanza nella metà campo avversaria. Belotti dice che la Nazionale è un po’ ‘come un padre che abbraccia un figlio con un grande pilota, Mancini’. Mancini ha fatto un capolavoro fin qui. Meret? Non credo possa perdere il treno europei, Mancini ha considerazione di lui. Nel calcio moderno, ci sta l’alternanza tra portieri. In Nazionale, però, in questo momento Donnarumma è il titolare, però, effettivamente potrebbe anche rischiare per la presenza di Sirigu”.
Walter Novellino è intervenuto durante ‘Calcio Napoli 24 Live’ trasmissione in onda su CalcioNapoli24 TV (296 Digitale Terrestre) per parlare delle ultime di mercato del Napoli. Ecco quanto evidenziato da CN24: “La qualità degli uomini farà la differenza contro il Milan. L’arrivo di Ibrahimovic ha cambiato l’autostima dei rossoneri. Sono due squadre che possono ottenere risultati importanti. Osimhen? Il Napoli senza di lui non cambia molto, c’è esperienza nel 4-3-3 e Mertens è abituato: non danno punti di riferimento. Partita interessante sotto l’aspetto tattico. Credo che nella qualità di ogni giocatore, c’è la chiave per vincere il match”.
Commenti