Anastasio: “Maradona? Giorno tragico, emozione forte”

A Radio Marte nel corso della trasmissione “Si gonfia la rete” di Raffaele Auriemma è intervenuto Armando Anastasio, calciatore del Rijeka.

“Maradona? Per me è stato un giorno particolare e tragico, l’emozione è stata ancora più forte. Sapevamo che il Napoli era superiore, all’andata abbiamo dimostrato che potevamo giocarcela e quindi siamo venuti a fare la nostra partita. Il livello però era diverso ma noi abbiamo fatto la nostra gara a prescindere dal risultato.
Ho saputo di giocare il giorno prima, il mister mi ha detto tutto durante la riunione. L’emozione è stata forte, già ritrovarmi nell’albergo nel cuore di Napoli, guardando le strade che percorrevo da ragazzo, è stato strano. Poi però bisognava concentrarsi sulla partita. Scudetto o Europa League? Il Napoli è una delle squadre più forti della competizione europea. E’ un obiettivo come il campionato, è una squadra forte. Ora sono in prestito al Rijeka, gioco l’Europa League. Sono in prestito fino a giugno, poi vediamo cosa succede. Il mio cartellino è del Monza.
Infortunio? Sto bene, solo un po’ di affaticamento. Insigne? Ci siamo fatti due battute, mi ha detto che non ce la facevo più e gli ho detto che stavo morendo!”.

Commenti