Gli interventi di Maurizio Pistocchi, Mimmo Malfitano e Gaetano Fontana a Radio Marte

A Radio Marte nel corso della trasmissione “Marte Sport Live” è intervenuto Maurizio Pistocchi, giornalista.

“Il Napoli ha l’idea più interessante vista quest’anno, cioè quella di un calcio offensivo e di qualità ma anche difensivo. Non mi stupiscono i risultati del Napoli, ovviamente c’è il rammarico per la partita contro la Juventus. Sicuramente vedo una squadra che quando mantiene la sua identità è una squadra difficile da controllare, quando invece fa calcio speculativo diventa una squadra normale.

Questa non è una squadra fisicamente in grado di gestire i risultati, anche mentalmente non lo è. Quando gioca per fare più gol e avere il dominio del campo è la squadra che ha fatto vedere il calcio migliore. A volte i tifosi sono un po’ influenzati da chi fa informazione, perché generalmente chi la fa si limita a valutare il risultato. Per me concettualmente è sbagliato, anche a livello didattico. Se conta solo il risultato perché andiamo a vedere le partite? Se vinci sei bravo, se perdi sei un pirla e finisce lì.

I numeri dicono che il Napoli ha il secondo attacco del campionato, nonostante una partita in meno. La fase offensiva quindi funziona bene. Dal punto di vista difensivo qualcosa va rivista ma c’è un sostanziale equilibrio nelle due fasi ma ha subito qualche gol di troppo per degli errori individuali. Sono particolari, non c’è un problema di reparto. Cosa manca per essere da Scudetto? A mio modo di vedere niente, in tutti i settori la squadra è competitiva.

Gattuso vuole molti giocatori bravi a rovesciare il campo, anche quando è mancato Osimhen si è vinto e segnato. Cosa può avere di meno rispetto ad altre? Rispetto alla Juventus, la profondità della rosa. Rispetto all’Inter, meno fisicità. Invece rispetto al Milan, non ha la continuità. Il Napoli ha tutte le carte in regole per giocarsi lo Scudetto.

Se proprio dovessi rinforzare il Napoli prenderei un leader in difesa, come lo era Albiol. Ricorso Juventus-Napoli? Penso che la decisione a livello legale sia molto discutibile, credo sia più politica. Una decisione avversa avrebbe messo in discussione tutto il protocollo. Caso Suarez? Riso amaro. Addirittura un Ministro ha dovuto giustificare la chiamata con Paratici…veramente imbarazzante”.

A Radio Marte nel corso della trasmissione “Marte Sport Live” è intervenuto Mimmo Malfitano, giornalista.
“Nell’insieme è stato un Napoli piacevole e godibile. Ieri nel 4-2-3-1 la posizione di Zielinski era chiara. Essendoci ora Bakayoko a centrocampo a garantire fisicità, giocando a 3 o a 2 la presenza di Demme credo che debba essere quella più sostenuta. Fabian Ruiz rischia di giocare di meno? Credo di sì. Mertens? Se non segna dà assist, lui è un inamovibile. Ci saranno scelte da fare. In questo contesto, al momento, Fabian è quello che ha maggiori possibilità di stare fuori”

A Radio Marte nel corso della trasmissione “Marte Sport Live” è intervenuto Gaetano Fontana, allenatore.
“La presenza di Zielinski sposta gli equilibri. Può stare dietro alla punta come sulla soglia dei centocampisti. Può dare meno riferimenti alla squadra avversaria, per cui diventa un elemento fondamentale. Demme ha ritrovato fiducia, le ultime prestazioni sicuramente lo hanno motivato, ieri la prestazione è stata di fattura elevata. La Juventus a Crotone trovò non poche difficoltà, quindi credo che ci sia merito anche del Napoli. Dal punto di vista del non possesso c’è maggiore filtro con la presenza di Demme. Non ha molta fisicità ma sa lavorare moltissimo sulle linee di passaggio della squadra avversaria. Sa accorciare e raddoppiare rispetto a Fabian Ruiz, che da parte sua ha una qualità e una fase offensiva diversa. Quando reciti il ruolo da centrocampista però devi fare attenzione perché si rischia di liberare una zona di campo per gli avversari. Però dipende anche dal tipo di partita che si vuole fare. Sono tutti giocatori funzionali a Gattuso”.

Commenti