Gli interventi di Pierpaolo Marino, Alessandro Tuia e Mirko Calemme a Radio Crc

Marino a Radio Crc: “Gattuso come Reja, liti e riconferma. Hamsik avrebbe fatto comodo al Napoli. De Paul in lacrime per Diego”

“Gattuso può ripercorrere le orme di Reja, possibile conferma dopo le liti con De Laurentiis. Hamsik avrebbe fatto ancora comodo al Napoli. Lotta Champions, è l’Atalanta la squadra più vicina al pass”. L’ha detto oggi il direttore generale dell’Udinese Pierpaolo Marino ai microfoni di Radio Crc nel corso di ‘Arena Maradona’. “Napoli è una bellissima piazza – ha detto Marino a Radio Crc – ma ti dà tante pressioni. Non ho mai condiviso le critiche a Gattuso. Non so se Aurelio possa cambiare idea sulla sua conferma in azzurro. Da Udine non ho il termometro per misurare la temperatura di De Laurentiis. Posso dire, però, che anche Reja litigò spesso con il presidente del Napoli, eppure è stato seduto sulla panchina azzurra per tanti anni”. Nel caso Gattuso volesse ripercorrere le orme di Reja, dovrebbe comunque centrare la Champions al termine di questa stagione. “Il Napoli può farcela – ha detto Marino a Radio Crc – però dovrà superare brillantemente lo scoglio del recupero in casa della Juve. Delle squadre in lotta per la Champions, secondo me è l’Atalanta ad avere le chance più alte di tagliare il traguardo. La Roma è discontinua. Nemmeno la Lazio mi ha impressionato, visto che domenica noi avremmo meritato almeno il pareggio”. Nonostante la sconfitta in casa, l’Udinese è a un passo dalla salvezza. “Merito di un gruppo eccezionale, in cui Llorente sta facendo la sua parte – ha detto Marino a Radio Crc – nelle sue parole non c’erano critiche a Gattuso. Fernando mi ha sempre parlato bene di Napoli. Tornando all’Udinese, sono contento che tutti ci riconoscono l’abilità di aver creduto su Gotti”. Gotti che può contare su calciatori di livello come De Paul. “E’ un campione – ha detto Marino a Radio Crc – però di futuro non parlo, perché De Paul è concentrato sugli obiettivi dell’Udinese. E’ un argentino vero. Mi chiede sempre aneddoti su Maradona e quando seppe della morte di Diego, scese in campo in Coppa Italia contro la Fiorentina con le lacrime agli occhi”. Da un campione a un altro, Hamsik. “Anche a me vederlo con la maglia del Goteborg mi dà un sussulto al cuore – ha detto Marino a Radio Crc – per me avrebbe potuto fare ancora comodo al Napoli così come alle altre big d’Europa”.

Tuia a Radio Crc: “Commovente la vittoria del Benevento a Torino. Per battere la Juve servono cuore e carattere”

“La vittoria in casa della Juve è stata commovente. Per vincere a Torino bisogna avere cuore”. L’ha detto oggi ai microfoni di Radio Crc Alessandro Tuia, difensore del Benevento intervenuto nel corso di ‘Arena Maradona’. “Battere la Juve a Torino è stata una gioia enorme per tutti i tifosi del Benevento – ha detto Tuia a Radio Crc – abbiamo avuto coraggio e fortuna. In alcuni frangenti della partita ci è andata anche bene. Però adesso non è il caso di sedersi sugli allori. Alla ripresa avremo una gara fondamentale contro il Parma”. Impossibile calare l’attenzione con un Inzaghi sempre sul pezzo. “Il mister è un martello – ha detto Tuia a Radio Crc – ci ha saputo risollevare dopo un periodo di appannamento. Era normale che una squadra come il Benevento potesse avere delle difficoltà, visto che siamo una neopromossa. Ne siamo usciti alla grande grazie all’apporto di tutti. E’ stato importante anche quel giorno di ritiro dopo la sconfitta interna contro la Fiorentina”. E’ tutto dimenticato dopo l’exploit di Torino. Ma come si fa a battere la Juve allo Stadium? “Magari avessi la ricetta – ha detto Tuia – io sono un esordiente in A. Posso dire che abbiamo vinto a Torino, perché ci abbiamo creduto, siamo stati fortunati e siamo arrivati sempre primi sulle seconde palle. Credo che per sbancare lo Stadium serva carattere. Il Napoli può stare tranquillo in vista del recupero, visto che Gattuso è come Inzaghi: non molla mai di un centimetro”. Alla sua prima stagione in A, Tuia ha eletto l’avversario più ostico. “Sto assaporando la Serie A minuto dopo minuto – ha detto Tuia a Radio Crc – per me l’attaccante più forte del campionato è Lukaku, un asso del basket prestato al calcio. Nessuno ha la sua fisicità. Mi piace anche Mertens, ma contro il Benevento non era al top nonostante il gol”.

Calemme a Radio Crc: “Il futuro di Fabian Ruiz dipende dalla Champions. Provvidenziale il rinvio di Juve-Napoli”

Durante ‘Arena Maradona’ su Radio Crc è intervenuto Mirko Calemme, giornalista di ‘As’. “Finalmente Fabian Ruiz è tornato ai suoi livelli – ha detto Calemme a Radio Crc – sono stati risolti gli equivoci tattici e gli è stata data la possibilità di rifiatare. Paradossalmente, lo stop per Covid gli ha fatto bene. Per quanto riguarda il futuro, tutto dipenderà dalla qualificazione in Champions del Napoli. In caso di mancato obiettivo, il Napoli potrebbe ritrovarsi costretto a cederlo anche a cifre inferiori”. Per centrare la Champions il Napoli dovrà ottenere il massimo dal recupero in casa della Juve alla ripresa del campionato. “La matematica dice che nel caso gli azzurri le vincessero tutte, andrebbero in Champions di sicuro – ha detto Calemme a Radio Crc – io dico che il Napoli è stato fortunato ad ottenere il secondo rinvio della trasferta a Torino. E’ vero che adesso gli azzurri sembrano più in forma dei bianconeri, ma è così anche perché il Napoli sta giocando una volta a settimana. Le tre trasferte di fila in sette giorni contro Milan, Juve e Roma avrebbero causato parecchi problemi. Inoltre a Torino il Napoli potrà contare su un Lozano con una condizione fisica migliore. Ne vedremo delle belle”.

Commenti