Jannik Sinner sconfitto nella finale del Miami Open, Hurkacz vince in due set

Jannik Sinner è stato sconfitto da Hurkacz nella finale del torneo Masters 1000 di Miami. Il tennista polacco si è imposto in due set ed ha vinto con il punteggio di 7-6 6-4. Primo successo in un 1000 per Hurkacz, che vince il terzo torneo della sua carriera. Sinner invece perde la prima finale in carriera a livello ATP. Ma al di là del ko, si merita solo tanti applausi Sinner che ha disputato un torneo eccezionale e a soli 19 anni è già a un passo dalla top 20.

Sinner è un po’ contratto in avvio, Hurkacz no e ottiene subito un break. Il polacco si porta sul 3-0, ma non scappa, perché Jannik riesce velocemente a recuperare, annulla due ulteriori palle break ed è 3-3. Tecnicamente Sinner è più forte di Hurkacz e riesce a farlo vedere ma solo a tratti. Il finale del primo set è rocambolesco per chi non è troppo addentro alle vicende del tennis. L’italiano fa il break all’undicesimo gioco, si porta sul 6-5 e serve per il primo set, ma la battuta la cede a zero e il tie break è di Hurkacz che se lo aggiudica 7 punti a 4. Qualche errore di troppo per Sinner, che forse ha pagato a caro prezzo l’emozione.

Il servizio ceduto sul 6-5 e il tie break perso affossano Sinner che paga tutta assieme la stanchezza fisica e mentale di un torneo dispendioso. Hurkacz sulle ali dell’entusiasmo e soprattutto in vantaggio di un set accelera e toglie due volte il servizio all’italiano che in un baleno si trova sotto 4-0. Il polacco, che nel torneo ha battuto Tsitsipas e Rublev, ha anche due opportunità di portarsi sul 5-0, ma con orgoglio Jannik tiene il servizio vince undici punti su dodici e da un possibile 0-5 si porta invece 3-4. Negli ultimi game l’italiano dà sempre l’impressione di poter togliere nuovamente il servizio a Sinner, che però non ce la fa. Hurkacz vince 7-6 6-4 e conquista il torneo di Miami.

Fanpage.it

Commenti