Calcio Napoli: due partite casalinghe di fila, definite prove verità

Il Napoli di Gattuso, tornato in piena lotta Champions League, si appresta, questa sera, tra le mura amiche del Maradona a disputare il primo dei due incontri interni consecutivi, con Inter e Lazio che saranno due prove verità che ci diranno con chiarezza se gli azzurri saranno in grado di ambire a chiudere il campionato tra le prime quattro.  L’ostacolo nerazzurro si annuncia molto probante per gli uomini di Gattuso che tuttavia, quando hanno giocato da Napoli e con la presenza degli effettivi in campo, hanno avuto un rendimento assai soddisfacente. L’avversaria di turno ha, però,  due armi micidiali in avanti che si sono sempre rivelate mortali sotto porta. Ovviamente parliamo della copia Lukaku – Lautaro, due bocche da fuoco che non perdonano se non marcati a dovere dai difensori. Intanto gli addetti ai lavoro  hanno redatto una tabella di marcia  per stabilire il punteggio finale onde raggiungere un posto al sole della Champions League dell’anno prossimo. Per raggiungere tale obiettivo occorrono 76/77 punti, il che significa per Insigne e company conquistare, in questo rush finale di campionato, 18/19 punti. Una meta alla portata della formazione del tecnico calabrese, alla luce della media ottenuta in questo brillante periodo di forma. Del resto le concorrenti, seppur  agguerrite, non stanno meglio del Napoli: Milan, Atalanta e Lazio hanno ben tre scontri diretti nei quali possono perdere dei punti preziosi. Per esempio in questa tornata, alle 15 si affrontano tra loro Atalanta e Juve. Un faccia a faccia in cui una delle due potrebbe perdere o al limite potrebbe dividersi la posta in palio. In ambedue i casi, qualora il Napoli battesse l’Inter, si troverebbe, questa sera, al terzo o quarto posto. D’altronde conoscere in anticipo il risultato delle rivali non è cosa da poco.

Commenti