Gli interventi di Fabio Bazzani, Gennaro Delvecchio e Raffaele Gragnaniello a “1 Football Club”

Napoli, Bazzani 1 Football Club” su 1 Station Radio: Vince convincendo, a differenza di altre che si affidano ad episodi, ma occhio a fare voli pindarici. Azurri dietro solo alle milanesi. Su Sarri ed il Venezia

Il Napoli e De Laurentiis stanno facendo un percorso importantissimo, lannata di Sarri è quella in cui sono andati più vicino allo Scudetto ma quando disputi campionati di livello ogni anno il bilancio non può che essere positivo. La partenza di questa stagione fan ben sperare, ma bisogna tenere i piedi per terra e non fare voli pindarici – queste le parole di Fabio Bazzani, allenatore ed ex calciatore, fra le tante, di Sampdoria e Lazio, ai microfoni di 1 Football Club, trasmissione prodotta dalla testata IlSognoNelCuore” e condotta da Luca Cerchione e Andrea Fiorentino, in onda dal lunedì al sabato dalle 12:00 alle 13:00 su 1 Station Radio -. Ad oggi il Napoli è la squadra più convincente, più forte, rinforzata da Anguissa, da un allenatore capace come Spalletti, bravo ad entrare nella testa dei giocatori, e dal fatto che non hanno ceduto i big. Èlì meritatamenteSpalletti? È un top allenatore, è sottovalutato il quarto posto allInter e la sua Roma quando contendeva lo scudetto proprio ai nerazzurri. I giocatori del Napoli si fidano di lui, lo noti in campo. Koulibaly è straordinario, ma il suo rendimento è anche dovuto a Luciano perché in passato ha commesso errori. Juventus? Come squadra non sono a livello degli azzurri. La vittoria contro lo Spezia è stata di nervi, ma in passato non avrebbero mai rischiato di prendere tre gol contro una medio-piccola. Senza batter ciglio, invece, i partenopei hanno vinto e dominato una Samp reduce da una grande vittoria ad Empoli rispetto ad altre che si affidano ad episodi. Campionato? È vero che siamo alla quinta giornata, ma la sfida Napoli-Milano si potrebbe protrarre fino alla fine. LInter è favorita, i rossoneri hanno una rosa inferiore rispetto ai nerazzurri. Le romane non credo possano tenere il passo delle milanesi e dei partenopei. LAtalanta, alla fine, combatte sempre per il vertice nonostante ogni anno si pensa sia la stagione del flop. Gli esoneri? Quelli di Di Francesco e Semplici lasciano perplessi. La terza giornata è la prima dopo la chiusura del mercato, significa che un tecnico ha lavorato fino a quel momento con la squadra incompleta. Serve continuità, il Milan è un esempio sotto questo aspetto. I rossoneri, anche quando hanno 5-6 assenti, si aggrappano al gioco di Pioli e riescono ad arrivare a risultati. Questo perché il loro tecnico ha dato unidentità precisa e i calciatori sono legati a ciò. Il Napoli, prendendo Spalletti, è stato bravo anche in questo. Non gli hanno venduto nessuno e lui non ha chiesto altri perché era contento della rosa che cera. LInter, invece, ha preso i giocatori migliori per sostituire le cessioni eccellenti, e in più un tecnico che usa lo stesso modulo del precedente, non cambiando e continuando sulla stessa scia. La continuità è fondamentale. Sarri non è riuscito a portare ancora il suo gioco perché il processo di cambiamento è troppo importante, i suoi principi sono completamente gli opposti a quelli di Inzaghi. Per far capire i concetti ai giocatori ci vuole tempo. Alla Juventus aveva dei campioni come Ronaldo che gli risolvevano la partita pur non esprimendo i suoi principi. Venezia? Può salvarsi, ma dovrà faticare molto. Dovrà fare unimpresa. Un pensiero sulla Fortitudo? Oggi non c’è grande ottimismo per la partenza del campionato di domenica, i tifosi sono abituati alla sofferenza. Hanno trovato un buono sponsor che domani ufficializzeranno, la salvezza non sarà semplice.

Sampdoria, Gennaro Delvecchio 1 Football Club” su 1 Station Radio: Contestazione dovuta solo alla pesante sconfitta. Inter, Milan e Napoli possono arrivare fino in fondo. SullAtalanta..

Non si possono dare dei verdetti dopo cinque giornate, ma è importante sottolineare la forza della difesa, e non solo dellattacco, che ha il Napoli. Koulibaly è straordinario – queste le parole di Gennaro Delvecchio, responsabile settore giovanile Lecce ed ex calciatore, fra le tante, della Sampdoria, ai microfoni di 1 Football Club, trasmissione prodotta dalla testata IlSognoNelCuore” e condotta da Luca Cerchione e Andrea Fiorentino, in onda dal lunedì al sabato dalle 12:00 alle 13:00 su 1 Station Radio -. Spalletti è un allenatore di successo, ha portato la sua idea di gioco ma lì c’è anche un gruppo molto affiatato. Il mister sta adottando una mentalità di un tecnico di esperienza, rimane con i piedi per terra soprattutto perché la piazza può esplodere e andare in polemica con molta facilità. Campionato? Il Napoli è tra le prime a potersi giocare lo Scudetto, insieme ad Inter e Milan, le quali vorranno sfruttare anche loro la falsa partenza della Juventus. I nerazzurri stanno sfruttando la mentalità data da Conte, i rossoneri hanno, invece, un equilibrio importante e un gruppo unito. Queste tre sono avanti rispetto alle altre perché hanno avuto più continuità di progetto. La Roma, ad esempio, deve avere pazienza perché ci sono stati diversi cambi. Sampdoria? La contestazione di ieri è dovuta al risultato pesante subito. Ieri, comunque, i blucerchiati hanno avuto una grande reazione allo svantaggio. Il tutto rientrerà in maniera tranquilla, questanno faranno un bel lavoro soprattutto grazie ad un bravo tecnico. Atalanta? Non è tra le candidate per lo Scudetto, ma resta una mina vagante, come la Lazio.

Assocalciatori, Gragnaniello a 1 Football Club” su 1 Station Radio: Il Napoli deve tenere i piedi a terra, ma ha le carte per arrivare fino in fondo

Dal mio Napoli mi porto dietro i rapporti e la mia crescita personale. I numeri della società di De Laurentiis parlano per il presidente. Sono partiti da lontano, da una rifondazione e sono arrivati in Europa e al vertice del campionato – queste le parole di Raffaele Gragnaniello, consigliere Assocalciatori ed ex calciatore, fra le tante del Napoli, ai microfoni di 1 Football Club, trasmissione prodotta dalla testata IlSognoNelCuore” e condotta da Luca Cerchione e Andrea Fiorentino, in onda dal lunedì al sabato dalle 12:00 alle 13:00 su 1 Station Radio -. Non è semplice distaccarsi dallentusiasmo di Napoli per queste giornate straordinarie, ma Spalletti fa bene ad evidenziare ciò che si potrebbe fare meglio e a far restare con i piedi per terra tutti. Il bilancio è andato oltre le aspettative, i dati sono incredibili, ma è normale che ci saranno anche dei bassi. Dovranno trovare lequilibrio quando affronteranno dei momenti negativi. Per le caratteristiche che hanno possono arrivare fino in fondo, con il mercato di gennaio dovranno inserire delle pedine per chi disputerà la Coppa dAfrica.

Commenti