Renzo Ulivieri: “Napoli primo da solo? Non me l’aspettavo. Spalletti ha cambiato la mentalità ma sul rapporto con ADL…”

A Radio Marte nel corso della trasmissione “Marte Sport Live” è intervenuto Renzo Ulivieri, presidente AIAC.

“Napoli primo da solo? Non me l’aspettavo, 6 vittorie consecutive sono tanta roba anche se no è una sorpresa eccezionale considerando la forza della squadra. Spalletti? Probabilmente ha cambiato un po’ di mentalità, a parte dei particolari sul gioco che hanno mostrato cambiamenti. Soprattutto è cambiata la mentalità della squadra e del gruppo, sanno che c’è da lavorare tutti insieme, questo il Napoli lo fa, è squadra sia in fase di possesso che di non possesso. Non subisce molto a oggi e cerca di imporre il suo gioco.
Mazzarri criticato per aver sminuito i meriti del Napoli? Se a Napoli non conoscono ancora Mazzarri…Lui è un po’ così, è un amico quindi lo posso anche dire: alla fine della gara l’obiettivo suo è sempre quello di sostenere la sua squadra, anche nella sconfitta.
Juventus? La squadra sta remando con grande difficoltà, per loro cambia tanto. Per il Napoli ovviamente è cambiato tutto in un altro senso. Le altre squadre sembra che abbiano delle difficoltà però sono lì. Buon rapporto di Spalletti con spogliatoio e dirigenza? Che sappia tenere lo spogliatoio è risaputo, poi se c’è qualcuno che va per la sua squadra l’allenatore deve intervenire. I grandi campioni devono tenere alla squadra, con l’Io non si va da nessuna parte. E Spalletti ci tiene come quasi tutti gli allenatori.
Rapporto Spalletti-De Laurentiis? Qui ho qualche dubbio…Conosciamo tutti la personalità di Spalletti e quella di De Laurentiis. Fiorentina? Ho simpatia per il Napoli ma sono tifoso viola, non me ne vogliano i tifosi azzurri. Sarà una partita difficile specie nella parte iniziale, la Fiorentina ha messo sotto l’Inter di brutto anche se ha perso, nella prima mezz’ora ci stava il 3-0. Il Napoli deve fare molta attenzione alle partenze. Italiano ha dato aggressività e gioco.
Vlahovic oppure Osimhen? L’ideale sarebbe farli giocare tutti e due, anche perché io sono patito per il gioco con il doppio attaccante. Sono di grande valore entrambi, in questo momento forse Osimhen ha qualcosina in più ma anche Vlahovic si metterà a posto”.

Commenti