Gli interventi di Pasquale Cassese, Daniele Rocca e Pasquale Salvione a “1 Football Club”

A “1 Football Club”, programma radiofonico condotto da Luca Cerchione in onda su 1 Station Radio, è intervenuto Pasquale Cassese, imprenditore ed opinionista. Di seguito, un estratto raccolto dalla redazione ilsognonelcuore.com.

Mi aspetto che Spalletti tiri fuori il coniglio dal cilindro. Insigne innamorato del Napoli, per questo è più debole

“Come avevo preannunciato la scorsa settimana, senza Politano, contro l’Inter, avremmo perso un uomo in fase di non possesso. Lozano non è mai rientrato, questo ci ha messo in grande difficoltà. In Russia, poi, c’è stato il solito problema del clima: esci dalla bolla dell’albergo e vai su un campo ghiacciato, senza fare nemmeno un allenamento, ma è stata una sconfitta che lascia il tempo che trova. Domani, contro la Lazio, dobbiamo assolutamente vincere, non ci sono alternative. Mi auguro che il capitano Insigne abbia recuperato un po’ di energie fisiche, perché da quando è tornato dalla Nazionale è molto appannato. Se a questo ci aggiungiamo che Adl ha scaricato tutta la responsabilità del rinnovo su di lui, è ovvio che il ragazzo sia sottotono anche mentalmente. Lorenzo ama il Napoli, e questo lo rende più debole degli altri calciatori della rosa. Io mi affido a Spalletti, che in passato, ad esempio con Perrotta alla Roma, ha già dimostrato di saper reinterpretare i ruoli dei suoi calciatori. Senza Osimhen non possiamo giocare in profondità, quindi dobbiamo dare il tempo ai ragazzi di assimilare il nuovo modo di giocare. Mertens o Petagna? Per muscolatura e struttura fisica farei partire sempre l’italiano dal primo minuto, perché qualora entrasse a partita in corso non riuscirebbe neanche a trovare il ritmo partita”.

A “1 Football Club”, programma radiofonico condotto da Luca Cerchione in onda su 1 Station Radio, è intervenuto Daniele Rocca, giornalista di Tuttomercatoweb Lazio. Di seguito, un estratto raccolto dalla redazione ilsognonelcuore.com.

Pedro, Immobile e Lazzari recuperati, aspettiamo notizie su Marusic. Sarri col dente avvelenato, vi spiego

“Le risposte più importanti per Sarri sono arrivate dall’Europa League e non dagli allenamenti. Vedere Pedro entrare nel secondo tempo e risolvere la partita, così come successo per Immobile, fa ben sperare. Un altro recuperato è Lazzari, aspettiamo oggi per sapere se Marusic si sarà negativizzato al Covid-19. In questo caso, gli basterà sostenere la visita medica per essere già arruolabile contro il Napoli. Maurizio, anche contro il suo passato, schiererà i suoi col 433, e presumibilmente gli interpreti saranno: Reina, Lazzari, Hysaj, Luis Felipe, Acerbi. A centrocampo Milinkovic, Luis Alberto e Cataldi, il quale parlerà oggi in conferenza proprio al posto del mister. Avanti il tridente Felipe Anderson, Pedro ed Immobile. Sarri è stato molto chiaro dicendo che la sua esperienza a Napoli è stata quella emotivamente più coinvolgente. Però lui è un professionista vecchia maniera, dunque sicuramente andrà al Maradona col dente avvelenato, per dimostrare a tutti il suo valore e non perché abbia qualche conto in sospeso con gli azzurri. Altri ex sono Reina e Hysaj: il primo ha già affrontato diverse volte la squadra di Adl, mentre per l’albanese sarà la prima volta, al termine di una settimana molto calda che lo ha visto impegnato a livello giudiziario proprio contro il club per cui ha giocato fino alla scorsa stagione”.

A “1 Football Club”, programma radiofonico condotto da Luca Cerchione in onda su 1 Station Radio, è intervenuto Pasquale Salvione, giornalista del Corriere dello Sport. Di seguito, un estratto raccolto dalla redazione ilsognonelcuore.com.

Manolas partirà a gennaio se arriveranno offerte, potrebbe essere rimpiazzato da Uduokhai e Neuhaus. Sul terzino sinistro…

“Domani sarà una partita affascinante perché si giocherà nel ricordo di Maradona, ma anche un po’ per il ritorno di Sarri, il quale aveva già affrontato il suo passato, ma da tecnico della Juventus. Ci saranno tante emozioni contrastanti, vedremo i tifosi come reagiranno. Fabian Ruiz, Demme ed Insigne sono a disposizione per domani, fra poco parlerà Spalletti in conferenza stampa e avremo maggiori dritte. Lo spagnolo ed il capitano me li aspetto in campo dal primo minuto, mentre il tedesco partirà dalla panchina. A centrocampo, che sarà a tre, ci saranno Elmas con Zielinski ed il già citato numero 8. Piotr, contro l’Inter, ha segnato una grande rete, ma in Europa League non è riuscito ad imporsi. Come sempre accaduto nella sua carriera, il suo rendimento non è stabile. Vedremo se in questa stagione un po’ tribolata riuscirà a fare l’ultimo step di crescita per affermarsi come top player. Manolas? È stato ad un passo dalla cessione in estate, qualora dovessero arrivare offerte a gennaio andrebbe via. Il Napoli lo potrebbe sostituire con Uduokhai e Neuhaus, entrambi giovani ma che potrebbero fare al caso degli azzurri perché jolly, ovvero in grado di ricoprire più ruoli, un po’ come Juan Jesus. Ovviamente, senza cessioni non arriverà nessuno: la linea di Adl è sempre la stessa tracciata la scorsa estate. L’unico strappo alla regola si potrebbe fare per il terzino sinistro qualora Ghoulam dovesse continuare a non dare garanzie. Uno dei nomi monitorati da Giuntoli è quello di Parisi dell’Empoli, ma le valutazioni andranno fatte a gennaio anche in virtù della classifica”.

Commenti