NAPOLI – Contro l’Atalanta, “Ciro” Mertens intende convincere De Laurentiis a confermarlo per la prossima stagione

Il campionato di serie A, dopo la sosta, si avvia verso il rush finale di queste stagione, alla quale mancano otto gare, in cui l‘attaccante belga-napoletano Dries- Ciro Mertens sembra intenzionato a dimostrare che, nonostante i suoi 35 anni, a maggio, è ancora valido e motivato per dare tutto sè stesso, almeno per un altro paio di anni. D’altronde è lui il miglior cannoniere azzurro di tutti i tempi con 144 retri all’attivo. Sabato scorso, al Maradona,  Mertens, contro i friulani bianconeri, da subentrante, ha cambiato totalmente la partita diventando il protagonista assoluto ed ora, a Bergamo con l’Atalanta,, domenica 3 aprile, giocando al posto di Osimhen,  squalificato, avrà sulle spalle tutto il peso dell’attacco partenopeo.  Il calciatore, figlio adottivo di Napoli,  vuole mettersi in luce, convinto di essere ancora al meglio della condizione al fine di rinnovare il contratto con il club, a cifre ovviamente molto ridotte rispetto a quelle attuali, per almeno un’altra annata. Molto probabilmente il match con gli orobici rappresenta un’occasione d’oro che non vorrà sprecare, in primis per credere nel sogno scudetto e poi per raggiungere il suo scopo di restare all’ombra del Vesuvio. Confermarlo per la prossima stagione, in cui il Napoli dovrebbe tornare a giocare in Champions League, non sarebbe un errore, infatti potrebbe essere assai importante per gli obiettivi futuri della società che non spenderebbe, peraltro, un occhio della testa per trattenerlo. Mertens è in grado di dare quella verve in più, entrando dalla panchina, in caso di necessità, proprio come ha fatto nella partita vittoriosa con la squadra di Cioffi. Di sicuro, Spalletti, dopo quanto visto ultimamente,  non vorrà privarsene a cuor leggero.

Commenti