Okoli e Fagioli, l’agente: “Bravi e giovani, giusto che Mancini li tenga in considerazione per la Nazionale. Niente Mondiali? Il problema è strutturale”

A Radio Marte nel corso della trasmissione “Si gonfia la rete” di Raffaele Auriemma è intervenuto Andrea D’Amico, agente.

“Okoli e Fagioli sono due giocatori molto bravi, giovani, di conseguenza fa bene il C.T. a tenerli in considerazione perché ora c’è bisogno di rifondare. Questi ragazzi sono del 2001 e giocano in Serie B, quando c’erano pochi stranieri nel campionato italiano era impossibile pensare di poterli convocare. Questo fa pensare che tutto il sistema non sia giusto. Il calcio è uno sport episodico, a volta va bene e altre va male. Noi non abbiamo vinto il nostro girone, pareggiando con Nazionali abbordabili. Ma l’espressione della Nazionale è l’espressione del campionato, che di italiano ha poco. Veniamo da due mancate qualificazioni ai Mondiali, un bagno di sangue anche a livello economico. Se noi facciamo un Mondiale in Brasile male, quello prima male e poi non ci qualifichiamo nel 2018 e nel 2022, il malato ha qualcosa di più ampio da curare che la partita con la Macedonia.
Si parla di un problema struttura, il sistema va pensato e cambiato. Il presidente federale non può trincerarsi dietro la vittoria ai rigori degli Europei, serve un mea culpa. Due sono le cose: o vuole cambiare le cose e non glielo consentono, quindi deve dare le dimissioni. O altrimenti comunque non va bene, serve un progetto. Gli italiani non possono giocare in Serie A. Anche con il Decreto Crescita gli italiani e chi milita già qui sono penalizzati rispetto a chi viene dall’estero.
Non ho sentito una parola di autocritica. Questa è una malattia grave da molto tempo, c’è bisogno di rifondare. Okoli? Giovane difensore molto forte fisicamente, cresciuto a Vicenza quindi un italiano a tutti gli effetti, di proprietà dell’Atalanta. Fagioli invece è della Juventus. Sono due prodotti nostri. Okoli è fortissimo, l’Atalanta ha già ricevuto molte proposte per lui. Tornare alla casa madre? Vediamo, la famiglia Percassi ha venduto la maggior parte della società, Sartori potrebbe andare via. C’è da aspettare la fine del campionato. Fagioli è un centrocampista pubblicizzato già quando era ragazzino da Allegri, disse che di talenti così ne nascono pochi. Può giocare alla Pirlo, sa fare tutto. Può fare una buona carriera ma bisogna strare concentrati. Entrambi possono fare molto bene”.

Commenti