Gli interventi di Paolo Bargiggia e Domenico La Marca a “1 Football Club”

A “1 Football Club”, programma radiofonico condotto da Luca Cerchione in onda su 1 Station Radio, è intervenuto Paolo Bargiggia, giornalista esperto di calciomercato. Di seguito, un estratto raccolto dalla redazione di IlSognoNelCuore.com.

Spalletti ha rilasciato recentemente delle dichiarazioni: sono dei chiari riferimenti a Meret? Quale sarà il futuro del portiere? “Ad oggi Meret sarà il titolare del Napoli, l’intenzione è di tenere questo calciatore e di avere due portieri titolari in rosa. Bisognerà solo capire quale sarà l’altro estremo difensore che approderà in azzurro, in seguito al rinnovo di Alex. Secondo un mio parere, Spalletti non ha mandato nessun avviso nèva Meret nè al club, anzi, credo che ci sia una certa unità di intenti con la società. Luciano si sta sbilanciando tanto per mantenere Koulibaly, ma lo stesso anche De Laurentiis, il quale avrebbe proposto un importante rinnovo al senegalese. E sono sulla stessa lunghezza d’onda anche per la questione Fabian Ruiz, che sarà messo ai margini se resterà in Campania: Spalletti, infatti, ha accettato la proposta societaria circa la questione legata allo spagnolo. Se resta Fabian, naturalmente non arriverà nessun centrocampista; se, invece, dovesse dire addio, allora ci sarà un innesto a centrocampo. Spalletti sta spingendo per l’arrivo di Deulofeu. Appena sarà ceduto un tra Politano e Ounas, lo spagnolo sarà ingaggiato. Osimhen sarà la punta della formazione del tecnico, Deulofeu la sottopunta, Kvaratskhelia sarà collocato a sinistra e Lozano a destra: questo sarà il futuro schieramento in campo del reparto offensivo dei partenopei”. La Juve avrebbe messo nel mirino Koulibaly: l’interesse è concreto? “Non è una notizia vera, anche se l’interesse è concreto. È vero che la Juve cerca un difensore, ma non ha la disponibilità economica per sborsare 40 milioni ed ingaggiare il senegalese. Kalidou è anche nel mirino del Barcellona. Se Koulibaly non accetterà una proposta di rinnovo e non arriverà una buona offerta, resterà in scadenza. De Laurentiis, tuttavia, è disposto a trattare un rinnovo con le stesse cifre attuali per Koulibaly, 5 milioni più 1 di bonus con tre anni di contratto ed uno di opzione. Questa proposta non ancora arrivata formalmente, ma anche perché siamo ancora ai giochi iniziali”. Deulofeu potrebbe giocare come sottopunta nel modulo di Spalletti: di conseguenza Mertens non rinnoverà con il Napoli? “A Napoli non sono convinti di un possibile passo indietro di Mertens ed una richiesta meno elevata per il rinnovo del contratto. Se così fosse, si tratterebbe nuovamente. Ma è un bel punto interrogativo, anche se bisogna seguire un’altra vicenda che riguarda il reparto offensivo: il futuro di Andrea Petagna. Quest’ultimo è entrato nel mirino di Torino, Monza e Salernitana, ma interessa anche al Verona. Se il Napoli dovesse cedere Petagna agli scaligeri, potrebbe essere pattuito uno scambio che includerebbe anche Simeone, riscattato qualche giorno fa dal club, obiettivo di mercato degli azzurri”. Avanza la possibilità di avere due portieri titolari in rosa: questa decisione potrebbe spingere Meret a non rinnovare? Chi sarà il secondo estremo difensore? “È chiaro che fino a quando non si arriva alla firma del rinnovo, non è prudente dare tutto per scontato. Ma Meret prolungherà il suo contratto con i partenopei, anche se non gode di tanta stima all’interno della piazza azzurra, nonostante la fiducia della società. L’ipotesi Sirigu potrebbe essere scartata, poiché non è un portiere moderno e questo fattore sarebbe in contraddizione con le dichiarazioni rilasciate recentemente dal tecnico. Come scartata dalla società è l’idea di ingaggiare Maximiano, sul quale c’è l’interesse della Lazio. Resta in piedi anche Gollini dell’Atalanta. Chiaramente bisognerà verificare anche i movimenti del club capitolino, il quale è alla ricerca di un portiere. La sensazione è che si arriverà al rinnovo di Meret e non andrà in prestito”. Dzeko come vice Osimhen: ti risulta? “Non mi risulta, l’interesse per Simeone invece è concreto. Si è parlato tanto anche di Beto, profilo molto apprezzato dal Napoli, nonostante la valutazione elevata dell’Udinese. Giuntoli ha ottenuto informazioni da Cioffi, nuovo tecnico del Verona. Dzeko, invece, non rientra nei piani del club azzurro per l’età e per motivi tecnici” L’operazione Ostigard è ben avviata: l’affare è in chiusura? “Il Napoli è convinto di chiudere l’operazione in questi giorni, anche se la chiusura non è ancora vicina”. Presunto mal di pancia di Anguissa di un bonus elargito: notizia veritiera? “È una notizia poco veritiera, anche se è una dinamica che non conosco. Non mi risulta. Il mercato del Napoli, tuttavia, sottolineo che non è assolutamente d’attesa, anche in correlazione alle operazioni in corso delle altre squadre”. Le dichiarazioni di De Laurentiis circa le ambizioni del club sembrano essere in contrasto con quelle di Spalletti: c’è distanza tra le due parti? “C’è un gioco delle parti, Spalletti cerca di tenere l’ambiente azzurro con i piedi per terra. De Laurentiis, invece, tenta di accendere la piazza, anche in seguito al malcontento generato al termine della stagione, dopo il mancato conseguimento dello scudetto”. La Juve attende di tesserare Pogba e di Maria: che possibilità ci sono? E quale saranno le uscite del club? “Pogba è ormai un’operazione conclusa, manca solo l’annuncio. Su pressioni di Allegri, c’è stata, invece, una riformulazione dell’offerta proposta a Di Maria, il quale pare che si stia convincendo ad accettare la corte dei bianconeri. Zakaria, invece, è la testimonianza dell’isteria della società piemontese, il calciatore è stato messo sul mercato. Se annunciano i due colpi prima citati, la società avrà molti esuberi da liberare. Se i bianconeri dovessero quindi cedere alcuni calciatori, potrebbero virare su altri obiettivi di mercato. La Juve, infatti, sta giocando su diversi piani: uno degli profili graditi dal club è Dzeko come vice Vlahovic, c’è l’esigenza di ingaggiare, inoltre, un difensore (Gabriel, Koulibaly e Laporte) e un centrocampista”. Come giudichi le parole di Buffon su Di Maria? “Come un’esagerazione, anche se il tasso di povertà della Serie A è abbastanza elevato. Di Maria è un grande calciatore e potrebbe fare la differenza in questo “cimitero di elefanti”, anche se il calcio di Allegri è abbastanza tradizionalista. Con tono ironico, sostengo che Buffon gioca a 44 anni in Serie B e forse in un altro campionato di livello più alto non potrebbero considerare l’idra di svendere in campo a questa eta”. Per quanto riguarda l’Inter, Lukaku sembra essere vicino al club, per Dybala si va verso la chiusura? “C’è stata una controproposta dell’Inter nel weekend al Chelsea, si attende soltanto l’ok del presidente nerazzurro. Ci vorranno ancora altri giorni per chiudere l’operazione, ma filtra ottimismo, sarebbe una sorpresa non concludere l’affare. Per quanto concerne Dybala, non ci sono altre piste oltre l’Inter, ma si discute sulle commissioni con l’agente dell’argentino. Ci sarà un incontro per chiudere l’affare. Mi auguro che la beneamata farà queste operazioni non vendendo Lautaro, ma magari Skriniar. Si attende anche l’annuncio di Mkhitaryan; si discute con il Cagliari, inoltre, per Bellanova. Arriverà anche Onana per la porta. Per il Milan invece si attende il rinnovo di Massara e Maldini, anche se c’è preoccupazione per il mercato del club, perché dalla Francia pare che Renato Sanches, da tempo bloccato dai rossoneri, potrebbe approdare al Psg”. Botman-Milan: ci sono dettagli su questa possibile operazione, in seguito all’interesse del Psg? “Tra il Milan e il Lilla ci sono problemi di valutazione. Botman aveva deciso di accettare l’offerta di ingaggio del club milanese, ma la proposta presentata dal Newcastle ai francesi, poi accettata, era sicuramente superiore a quella dei rossoneri”. Per quanto riguarda la Roma, come giudichi la filosofia di mercato del club? “È stato ingaggiato un calciatore d’esperienza come Matic, secondo la filosofia del club di puntare su questi calciatori, nonostante l’età. Tuttavia, i giallorossi stanno trattando per Celik, un giocatore decisamente più giovane. La Lazio, invece, ha ingaggiato Marcos Antonio dallo Shakthar, il quale deve svolgere solo le visite mediche. Per il dopo Strakosha, non ci sono determinati nomi, anche se piace Carnesecchi”. L’Atalanta ha esercitato il riscatto di Demiral: sarà ceduto? “L’Atalanta punta a tenere Demiral, si tratta di un investimento importante del club bergamasco. Si attenderanno delle novità anche per comprendere il futuro del turco, il quale potrebbe in verità anche partire”.

A “1 Football Club”, programma radiofonico condotto da Luca Cerchione in onda su 1 Station Radio, è intervenuto Domenico La Marca, avvocato ed esperto in diritto sportivo. Di seguito, un estratto raccolto dalla redazione di IlSognoNelCuore.com.
Ricorso multiproprietà Napoli – Bari: “Appare notorio che De Laurentiis ricorrerà al Collegio di Garanzia del Coni, i termini di 30 giorni per attivare tale procedura decorreranno dalla pubblicazione delle motivazioni della decisione presa dalla Corte D’Appello, la quale ha respinto il ricorso sulle multiproprietà. A differenza dei precedenti due gradi di giudizio (Tribunale Federale e Corte Federale D’Appello), che sono stati emessi da organi endofederali, il Collegio di Garanzia del Coni si differenzia essendo un organo esofederale e che costituisce, nelle materie in cui non è riconosciuta la competenza esclusiva della giustizia sportiva, “la condizione di procedibilità” per proseguire il giudizio dinanzi alla giustizia amministrativa – ordinaria. Condivisibili appaiono le ragioni della famiglia De Laurentiis che ha investito nel Bari prima della modifica dell’art 16 bis delle Noif (la quale ha effetto retroattivo), consapevole che prima della suddetta modifica solamente la partecipazione alla stessa categoria avrebbe costretto a cedere una delle due proprietà, mentre allo stato attuale delle cose entro 5 giorni prima del termine fissato dalle norme federali per il deposito della domanda di ammissione al campionato professionistico di competenza della Stagione Sportiva 2024/2025 sarà obbligata a fare una scelta. Ovviamente di ciò ne sono informati i potenziali acquirenti e questo andrà ad influire notevolmente sul prezzo di vendita di una delle proprietà, nonostante gli enormi investimenti portati avanti, basti pensare quanto fatto a Bari, che dopo tanti anni difficili, grazie all’intervento della famiglia De Laurentiis è ritornata nel calcio che conta potendo fare affidamento su una proprietà solida e seria.”
Indice di liquidità – “Il Collegio di Garanzia del Coni ha accolto il ricorso della Lega Serie A contro la Figc sul tema indice di liquidità, che pertanto non sarà vincolante per l’iscrizione al prossimo campionato. La pronuncia del Collegio è molto interessante, visto che non si discute nel merito la misura, ma le tempistiche riguardanti la sua introduzione e suoi effetti retroattivi.”
Juventus – “Puntare su Pogba e Di Maria ha un significato chiaro e preciso: essere immediatamente e nuovamente competitivi. Dopo alcune stagioni difficili la società bianconera ed anche Allegri non possono permettersi un campionato da comparse e da questo punto di vista la direzione della Juventus sul mercato appare ben chiara, puntando su elementi dalla comprovata esperienza internazionale e che sicuramente vorranno fare bene in questo campionato anche per arrivare al meglio al mondiale del Qatar 2022. Come già detto non sottovaluterei nemmeno il potenziale arrivo di Kostic, che potrebbe rivelarsi, visto anche la sua duttilità tattica, uno degli acquisti migliori degli ultimi anni del club. Piace anche l’idea di affiancare questi giocatori di esperienza con elementi di prospettiva alcuni già presenti nella rosa come Gatti, Miretti e Rovella, o che potrebbero arrivare su tutti Cambiaso ed Udogie, giovani italiani che potrebbero costruire l’ossatura azzurra della nuova Juventus che in tanti cicli bianconeri ha fatto le fortune del club.”

Salernitana – “È davvero un peccato dopo aver raggiunto una storica salvezza che il binomio Iervolino-Sabatini si sia scisso. Però se le divergenze erano così insormontabili è stato meglio intervenire prima dell’inizio della stagione e soprattutto del mercato. Morgan De Sanctis, in tal senso, può essere il nome giusto per le idee innovative che vuole portare avanti il presidente. È evidente che tra gli addii per la fine dei prestiti e giocatori che sono rientrati alla base, ma che non faranno parte del futuro progetto tecnico, ci sarà tanto da lavorare per allestire una rosa che possa permettere ai granata di evitare i patemi della scorsa stagione, ma i nomi che vengono accostati al sodalizio campano fanno ben sperare.”
Napoli – “Fino adesso la strategia del Napoli sul mercato è stata impeccabile con gli arrivi di Olivera e Kvaratskhelia e il riscatto di Anguissa. Discorso invece più complesso in merito alla questione rinnovi dei vari Mertens, Ospina, Koulibaly e Ruiz. Per i primi due può esserci anche una scelta societaria di non volere investire cifre importanti per prolungare la loro esperienza in azzurro, difatti il sodalizio campano potrebbe aver deciso di puntare su Meret e Deulofeu ritenendoli più adatti e più sostenibili per il nuovo ciclo azzurro. Koulibaly e Ruiz sono entrambi a scadenza 2023 e perderli a zero nell’era post Covid sarebbe davvero delittuoso, in tal caso la società dovrà essere brava in caso di mancato rinnovo soprattutto di Fabian a capitalizzare il massimo da un’eventuale cessione.”

Commenti