Koulibaly: “8 anni stupendi a Napoli ma volevo una nuova sfida. Chelsea vicino anche nel 2016”

Prime parole da giocatore del Chelsea per Kalidou Koulibaly, che si è affidato al sito ufficiale dei blues per raccontare le sue prime sensazioni dopo il trasferimento dal Napoli: “Sono molto felice ed entusiasta di essere qui. Sono stato a Londra qualche giorno fa per sistemare tutto e ora sono qui. Sono entusiasta di giocare per questo club. Finalmente ora sono un giocatore del Chelsea, voglio solo ringraziare tutti per averlo reso possibile: già mi sento a casa”.

Come hai vissuto l’attesa della firma?
“Volevo superare le visite mediche e venire in tour pre-stagionale in America il prima possibile, ma queste cose richiedono un po’ di tempo. C’erano un sacco di scartoffie e documenti da sistemare, quindi ho camminato molto per l’hotel da solo per ammazzare il tempo mentre aspettavo che arrivasse la notizia che era fatto! Ho parlato molto con l’allenatore e con la mia famiglia e sono davvero felice, perché ho preso una decisione importante per venire al Chelsea. Volevo mettermi alla prova nel campionato più grande del mondo e voglio ringraziare tutti per avermi dato questa possibilità“.

Napoli?
“Ho vissuto otto anni meravigliosi a Napoli, mi conoscevano tutti ed eravamo davvero felici di vivere lì. Dopo otto stagioni ho sentito che era giunto il momento di una nuova sfida e non appena il Chelsea ha chiamato non ho esitato. Anche nel 2016 c’era la possibilità di firmare ma non si è mai concretizzato il trasferimento. Ora sono felice di essere qui“.

Jorginho e Mendy?
“Jorgi mi ha mandato un messaggio un mese fa e mi ha chiesto se volevo venire al Chelsea. Non ero sicuro che mi volessero in quei giorni, ma ovviamente ho detto che sarei venuto con piacere. È stato lo stesso con Edou, mi ha fatto la domanda e gli ho detto che era già fatto e che l’avrei visto presto. Non vedo l’ora di venire a Stamford Bridge e mostrare a tutti quanto significhi per me essere qui. Voglio aiutare la squadra e insieme vogliamo provare a vincere trofei“.

Hai parlato con Tuchel?
“Sì, per me è importante che mi abbia chiamato e che mi abbia detto cosa vuole da me. Sono davvero felice di lavorare con lui. Mi ha chiamato direttamente per chiedermi se volevo venire al Chelsea, e ovviamente la risposta è stata sì. Sono davvero felice di lavorare con lui e di lavorare con il suo staff. È un brav’uomo e un ottimo allenatore“.

Il Chelsea sarà anche una sfida personale?
“Tutto è una sfida personale nella vita. Trasferirsi a Londra, e in Premier League dalla Serie A è un grande passo. Ma è quello che volevo fare per far capire a tutti che sono il giocatore che pensano. Penso che questo sia il momento giusto per venire e sono così felice di essere in questo grande club“.

TuttoMercatoWeb.com

Commenti