Sampdoria, Giampaolo esonerato

Fischi, contestazione e una panchina che salta: quella di Marco Giampaolo. Il ko della Sampdoria contro il Monza, che vincendo 3-0 conquista il primo storico successo in trasferta, è stato decisivo per il futuro di Giampaolo che non allenerà più il club blucerchiato. Quella contro il Monza è la quarta sconfitta consecutiva in campionato e la quinta nelle ultime sei partite per la Samp che in questa stagione non ha mai vinto, collezionando 6 ko e 2 pareggi per un totale di 2 punti in classifica. Contro lo Spezia, la posizione del tecnico non era minimamente in discussione: la società, infatti, lo aveva confermato a prescindere poi dal risultato finale (la Samp ha perso 2-1 fuori casa). Ma dopo la prestazione di oggi, con 0 gol e una squadra totalmente in balia dei problemi emersi, la posizione della società è cambiata. Tra l’altro, nella giornata di oggi, Giampaolo ha scontato la sua seconda giornata di squalifica e ha ceduto la panchina al suo vice Conti. I giocatori non sono usciti dallo stadio prima delle ore 20, con la tifoseria che è rimasta molto tempo fuori ad aspettarli.

La notizia dell’esonero è stata confermata dal vicepresidente Antonio Romei a Sky Sport. “A me dispiace della situazione in cui siamo, mi dispiace anche per Giampaolo perché conosco la sua professionalità e dedizione. Finire così fa male, con una prestazione del genere, ma oggi abbiamo fatto una partita non all’altezza. Dobbiamo prenderci le nostre responsabilità e non dobbiamo avere alibi. Le vicende societarie non devono essere un alibi. Sapevamo che questa era una partita importante anche per capire l’atteggiamento della squadra. Il calcio è questo, la responsabilità è di tutti, ma è l’allenatore quello che paga”. E sul futuro: “Non abbiamo ancora parlato del sostituto di Giampaolo, da ora ci metteremo al lavoro”.

Sono due i nomi in lizza per sostituire Marco Giampaolo, entrambi eventuali ritorni: si tratta di Claudio Ranieri, che ha allenato la Sampdoria dal 2019 al 2021, e Roberto D’Aversa, predecessore proprio dell’attuale allenatore della Sampdoria e ancora sotto contratto fino al 2023.

Sky

Commenti