NEWS

Iezzo, Focolari, Bucchioni, Marolda, Petrazzuolo e Galassi a Radio Punto Nuovo

Iezzo: “Spero che con Gollini non si creino inutili dualismi che possano danneggiare Meret. Sorpreso dalla scelta di Sirigu, il Napoli perde un riferimento nello spogliatoio”

A Radio Punto Nuovo, nel corso di Punto Nuovo Sport Show, è intervenuto Gennaro Iezzo, ex portiere del Napoli: “Gollini come vice-Meret? Non cambierà nulla, Alex resta il primo. Sta facendo una stagione davvero incredibile, è uno dei più forti in Europa. Arriverà un altro ragazzo che ringiovanisce il parco portieri, ma l’importante è che non arrivi senza sapere quale sia il suo ruolo. Bisogna evitare inutili dualismi che possono danneggiare Meret. Sirigu? Mi sorprende la sua decisione: è strano lasciare una squadra stratosferica che sta facendo bene in Champions ed è avviata verso lo Scudetto, per andare in una Fiorentina in difficoltà. Col suo addio, il Napoli perde anche un elemento di grande esperienza e di grande utilità nello spogliatoio, sapendo dire la cosa giusta al momento giusto. Il Napoli perde qualcosa da questo punto di vista. La parata più bella di Meret? Ne ha fatte tantissime, ma sono state tutte importanti. Io mi giocherei quella su Giroud a Milano e quella su Piatek, dove la gara gli era già passata dietro. Sono d’accordo con Spalletti quando ha detto che è stato il migliore in campo. Lo scetticismo su di lui? Molto spesso la gente parla senza l’umiltà e ammettere di aver sbagliato. Sta dimostrando gara dopo gara di avere tecnica e carattere. Non è estroverso, ma ha personalità da vendere, anche nel silenzio”.

Focolari: “Il Napoli vincerà lo Scudetto con 20 punti di vantaggio! Spalletti uno che si incarta nelle difficoltà, ha un difetto caratteriale grave: quest’anno, però, non accadrà nulla”

A Radio Punto Nuovo, nel corso di Punto Nuovo Sport Show, è intervenuto Furio Focolari, giornalista: “Il Napoli di Sarri si fece rimontare una decina di punti da una Juventus stellare. La Juve ora non c’è più al di là delle penalizzazioni. Tutte le grandi e le strisciate hanno perso 5 punti in due partite nei confronti del Napoli, quindi di cosa parliamo? Spalletti è uno che si incarta un po’ nei momenti di difficoltà, ma quest’anno il suo Napoli lo vedo molto consapevole della propria forza. E poi mancano le avversarie: il Milan si sta dimostrando per la squadra qual è, dopo aver compiuto un miracolo. Non capisco solo come l’Inter possa essere così lontana dal Napoli, considerati gli organici. Campionato finito? Qui a Roma abbiamo già tutti riaperto la casa al mare… Spalletti? Ha sempre dimostrato capacità nel far giocare bene le sue squadre, ma il suo vero segreto è avere una squadra pazzesca con due titolari per ruolo. E poi Giuntoli ha tirato fuori giocatori incredibili come Kvara. In panchina ci sono Elmas, Raspadori e Simeone che potrebbero essere titolari in tutte quelle che sono alle spalle degli azzurri… Mi auguro solo che Spalletti non si incarti nelle difficoltà, magari dopo una sconfitta banale contro qualche piccola. Quest’anno non succederà, però. Ha un solo difetto grave, quello caratteriale: a volte eccede in conferenza e questo deve evitarlo, perché ora non serve. Spalletti è il numero uno in Italia dal punto di vista tattico. Sarri è bravo, ma ha sempre avuto qualche limite che invece Luciano non ha. La mia previsione è che il suo Napoli vincerà questo campionato con 20 punti di distacco”.

Bucchioni: “Questo il miglior Spalletti della sua carriera, il Napoli è vicino alla perfezione. Gollini? Luciano dovrà lavorarci molto”

A Radio Punto Nuovo, nel corso di Punto Nuovo Sport Show, è intervenuto Enzo Bucchioni, giornalista: “Il Napoli non è troppo bello per essere vero, questa squadra esiste assolutamente! Gli azzurri sono una macchina perfetta, anche quando va in difficoltà sa recuperare benissimo. Spalletti ha dato una mentalità incredibile, dopo il Mondiale qualcuno sperava che questa squadra crollasse, ma non ci sono mai state avvisaglie. Dopotutto Spalletti è stato l’unico in carriera a gestire una sosta così lunga, come già fatto in Russia. Anziché uno svantaggio, è stato un plus. E poi il mercato ha completato ulteriormente questa rosa, con Bereszynski che farebbe il titolare in tante squadre in Serie A. Ora stiamo assistendo al miglior Spalletti della sua cornice, il Napoli è vicino alla perfezione: dirà la sua anche in Europa. Difetti di questo Napoli? Anche se guardo i dati, è davvero difficile trovarli. Il loro gioco è un’armonia calcistica e si fa fatica ad aggiungere altro. C’è una cultura ed un’idea di calcio dietro di assoluto livello. Cinquanta punti in un solo girone è roba da Juventus di Conte, che superò i quota 100… Sono contento per Luciano, che non aveva mai avuto quello che erano stati i suoi meriti. A Napoli si è portato la sua grande reazione dopo il divorzio problematico con l’Inter. Gollini? E’ un ragazzo che va gestito, Spalletti dovrà lavorarci molto. L’aria che si porta dietro è di uno problematico in campo se poi non gioca. Senza alcune certezze, poi ne risente molto. Titolare non sarà, vedremo se si accontenterà del suo nuovo ruolo al Napoli. Con l’Atalanta ha avuto un divorzio traumatico, ma il potenziale resta alto”.

Marolda: “Il Napoli fa un campionato a parte. Dietro l’esplosione di Osimhen c’è Spalletti, prima era grezzo e disordinato”

A Radio Punto Nuovo, nel corso di Punto Nuovo Sport Show, è intervenuto Ciccio Marolda, giornalista: “Non mi sarei mai aspettato un doppio stop di Inter e Milan in questo turno. Ieri la Lazio ha giocato la miglior partita degli ultimi tempi, i rossoneri sono stati stracciati e surclassati. Questo Milan mi preoccupa molto, fossi un tifoso milanista. Il Napoli è in una media da cento punti, anche se questo campionato è un po’ più lento rispetto agli ultimi. E’ entusiasmante vedere una squadra che davvero fa un campionato a parte. Spalletti ormai è il vero leader di questo Napoli, ha lavorato tantissimo sugli uomini cruciali e li ha trasformati in giocatori veri. Osimhen, su tutti, era ancora grezzo al massimo: era disordinato ed isterico. Oggi è stato finalmente inquadrato e gestisce i 90′ come un vero fuoriclasse. Ora bisogna solo vedere quando compierà l’ultimo step per diventare un vero fenomeno. Anche Kvara, è arrivato a Napoli che giocava da solo e con la testa bassa. E invece Spalletti lo ha reso fondamentale. Mourinho? E’ un vecchio marpione, bisogna sempre stare attenti. La sua Roma prende pochi gol, per quanto segni molto meno rispetto alle altre big. Farei molta attenzione, dovrà badare a Dybala”.

Petrazzuolo: “Do 7 agli arrivi di Gollini e Bereszynski. Solo il Napoli può perdere il campionato. Osimhen? Quest’anno nessuno può togliergli il premio di capocannoniere”

A Radio Punto Nuovo, nel corso di Punto Nuovo Sport Show, è intervenuto Antonio Petrazzuolo, direttore di NapoliMagazine.com: “Il mio voto agli arrivi di Bereszynski e Gollini è 7: sono innesti mirati di una squadra che non aveva bisogno di fare mercato, ma solo di puntellare ulteriormente una rosa di alto livello. Tanto di cappello al Napoli, che ha fatto due operazioni intelligenti e funzionali. Le rivali? Le inseguitrici fanno il possibili per togliersi il ruolo di anti-Napoli… Il Milan è al secondo posto e perde 4-0 con la Lazio, non è un bel segnale per il campionato. La verità è che solo il Napoli può perdere questo stesso campionato. Negli scorsi anni la squadra veniva meno nei momenti clou, dando colpa anche alla gestione: quest’anno è tutto diverso, il distacco anzi può ulteriormente cambiare. Le inseguitrici si sentono demoralizzate. Questo aiuterà il Napoli ad affrontare la Champions con serenità. Osimhen leader? Assolutamente, è diventato maturo e consapevole dei propri mezzi. Niente più isterismi o che altro, anzi è lui spesso a fare da paciere ormai. Tanti piccoli dettagli che fanno capire la sua crescita e anche il lavoro di Spalletti. Il titolo di capocannoniere, se continua così, nessuno può toglierglielo. Ha avuto un click mentale diverso. Napoli-Roma? Sarà importante come tutte, di qui alla fine. Non bisognerà sottovalutare nulla o sedersi sugli allori. Speriamo che Mourinho non si chiudi troppo, anche se sappiamo tutti come andrà. Ci sarà anche un Dybala in più, bisognerà fare attenzione. Vedo più classe nel Napoli, però, che nella Roma”.

Galassi: “Sirigu vuole scalzare Terracciano, ma a Firenze tutti perplessi che abbia lasciato un Napoli avviato allo Scudetto. Problemi caratteriali per Gollini, non so quanto sia adatto per fare il secondo di Meret…”

A Radio Punto Nuovo, nel corso di Punto Nuovo Sport Show, è intervenuto Giacomo Galassi, giornalista di Radio Firenze Viola: “La speranza di Sirigu è di trovare spazio qui a Firenze, anche se ha lasciato tutti perplessi la sua scelta di andar via da una squadra avviata verso lo Scudetto. Per poi venire qui in viola, dove la situazione sta diventando problematica per i rapporti tra tifosi e società. Ci risulta che viene qui per giocarsi il posto da titolare con Terracciano, spera di scalzarlo. Gollini? Se ci sono problemi caratteriali, mai dal punto di vista dello spogliatoio. Anche se era da tempo in uscita da Firenze, non ha mai detto una parola fuori posto, anzi si è sempre dimostrato parte del gruppo. I problemi caratteriali qui a Firenze sono comparsi quando scendeva in campo, dove ha sofferto anche l’inattività degli ultimi anni. In campo anche per spavalderia ha esagerato troppo, non avendo più la costanza e la presenza del giocare con continuità. E il gol preso dal palleggio in Conference League ad Istanbul, è diventato anche virale… Ha perso smalto e faccio veramente fatica che possa scalzare questo Meret. Come secondo non so quanto possa essere poi funzionale, a Firenze non ha mai dimostrato di avere la serenità di fare questo ruolo. Lui ha doti super, però: proprio contro il Napoli fece la sua miglior prestazione stagionale”.

Commenti
Segui il canale PianetAzzurro.it su WhatsApp, clicca qui

Vincenzo Letizia

Giornalista sportivo, nasce a Napoli il 16/02/1972. Tante le esperienze professionali: collaboratore dei quotidiani “IL TEMPO”, “NAPOLI NORD”, “LA VERITA'”, “DOSSIER MAGAZINE”, “CRONACHE DI NAPOLI”, dei mensili “L’OASI” e “IL VOMERESE”. Corrispondente da Napoli del quotidiano “IL GOLFO”, redattore del periodico “CORRIERE DEL PALLONE”, direttore editoriale del settimanale di scommesse sportive 'PianetAzzurro FreeBet'. Responsabile dei servizi sportivi del “CORRIERE DI CASERTA”. Tra i collaboratori del ‘laboratorio di giornalismo e di comunicazione’ diretto da Michele Plastino. Inviato della trasmissione radiofonica “ZONA MISTA” in onda su CRC targato Italia. Più volte ospite alle trasmissioni televisive “Campania Sport” e “PANE E PALLONE” in onda su Canale 21, “ULTRAZOOM” in onda su TCS, “TRIBUNA Sport” in onda su Televomero, “Sotto Rete” in onda su TLA. Ideatore ed opinionista della trasmissione WEB/RADIO 'MONDO CALCIO' andata in onda sulla Tele5 Napoli tutti i lunedì alle 18,00 e i venerdì alle 21,30. Ha curato ogni sabato pomeriggio, intorno alle ore 16,30, la rubrica radiofonica su 'RADIO PUNTO ZERO' (FM 102.00) 'LA BOLLETTA' all'interno del seguitissimo programma 'Zero Magazine' in onda dalle 16:00 alle 19:00 (su www.rpz.it in Live Streaming). Ideatore e conduttore del programma TV 'CALCIOMERCATO & SCOMMESSE MONDIALI' andato in onda su Area Blu TV durante il Mondiale sudafricano. Opinionista fisso del programma TV 'AREA AZZURRI' in onda tutti i martedì alle ore 21 sul digitale terrestre 'AREA BLU TV'. Ospite fisso della trasmissione "SORRISI E PALLONI" in onda su Radio Punto Nuovo e su Capri Event TV. Opinionista della trasmissione televisiva "NAPOLI CALCIO LIFE" in onda su Capri Event TV e TeleCapri Sport. Autore e produttore della trasmissione televisiva "PIANETAZZURRO TV" in onda su RTN. ATTUALMENTE: presidente dell'associazione giornalistica AGiCaV; direttore editoriale del periodico cartaceo “PIANETAZZURRO” ; direttore generale dell'omonimo portale sportivo www.pianetazzurro.it , del sito di cronaca e intrattenimento www.campaniaveritas.it e della guida gastronomica www.golosando.eu