Toni Doblas: “A Napoli sto bene e la gente è cordiale … ma non credevo piovesse tanto”

Il portiere del Napoli, Toni Doblas, ha rilasciato una lunga intervista a  El Correo de Andalucia, affrontando anche l’ argomento Napoli. Ecco quanto evidenziato: “Mi trovo benissimo a Napoli anche se credevo piovesse di meno la mia esperienza precedente  è stata inAzebaiyan, in una città  che si chiama Lankaran e si trova a 4 ore dalla capitale. Ci sono musulmani estremisti …  non c’è paragone! Qui è il giorno lì la notte. A Napoli è facile adattarsi perchè i napoletani sono come gli andalusi: caldi e cordiali e perciò mi trovo molto bene. Sto da due mesi qui ma  mi sento come se ci vivessi da più tempo. Sono stato accolto benissimo. Fui chiamato a Napoli da Benitez in seguito all’ infortunio di Rafael e per me fu una grande gioia, abbiamo avuto una stagione molto positiva … L’ anno scorso il Napoli aveva ottenuto un secondo posto in Campionato  con Hamsik e Cavani  che giocarono ad altissimo livello, quest’ anno siamo arrivati al terzo posto ma davanti a club prestigiosi come Inter, Milan e Fiorentina vincendo anche la Coppa Italia

Commenti
avatar

Tilde Schiavone

Sono una persona che riesce a star bene con se stessa solo se intorno a lei c' è armonia, questo è il motivo per cui cerco di risolvere i conflitti esistenti tra le persone che mi circondano;non amo i gioielli, specialmente quelli costosi, preferisco gli accessori di poco valore; non amo ricevere in regalo i fiori recisi: preferisco ammirarli nei giardini dove compiono il loro naturale ciclo vitale e non nei vasi dove hanno vita breve..Amo il blues,il canto del dolore, e il mio sogno è raggiungere un giorno quei luoghi che lo hanno visto nascere; Amo gli indiani d' america, la loro spiritualità e la loro cultura. non vivrei senza i dolci e la pizza. Sono campanilista, napolista, meridionalista ...maradonista. Adoro gli animali, ritengo che non siano loro le bestie e sono vegetariana. Non mi piace parlare, quel che sento preferisco scriverlo, so esprimermi meglio con una penna in mano anziché dinanzi a un microfono, amo inoltre il folclore della mia terra e cerco, attraverso l' Associazione Culturale Fonte Nova d cui sono Presidente, di preservarlo e diffonderlo ... e duclis in fundo AMO LA MIA NAPOLI, senza se e senza ma, ringrazio Dio perchè ha fatto sì che nelle mie vene scorresse il sangue del Sud!