Biagio Izzo: “Insigne è un figlio di Napoli, sconcertato per i provvedimenti contro la squadra azzurra”

BIAGIO IZZO, noto attore, è intervenuto a “NAPOLI MAGAZINE”, trasmissione radiofonica dedicata al Calcio Napoli, che approfondisce i temi sul Calcio Napoli proposti da NapoliMagazine.com, in onda dal lunedì al venerdì, dalle 14.40 alle 16, per il consueto punto sugli azzurri. Ecco quanto ha affermato: “La vittoria sulla Sampdoria ci ha fatto molto piacere. Ci avrebbe fatto piacere vincere un poco prima. A mio avviso non esiste tutto questo distacco da Roma e Juventus. Napoli-Verona a porte chiuse? Non siamo abituati a fare le vittime, ma non riesco a capire come si possano prendere queste decisioni. C’è stato un signore che ha sparato contro un tifoso del Napoli e ci sono addirittura striscioni in favore di chi ha sparato. Noi siamo un bel pubblico. Insigne al Mondiale? Lo abbiamo sempre sostenuto, è un figlio di Napoli. Fisicamente è straordinario, anche De Nicola ha ribadito che lui è uno dei più forti nei test atletici. Giusto vederlo ai Mondiali in Brasile, perché è un calciatore che può sempre tornare utile. Se Insigne inizia a segnare non si ferma più. Paolo Cannavaro è rimasto in A col Sassuolo, resta uno di noi. Il 100° gol stagionale del Napoli lo farei segnare proprio ad Insigne. Dobbiamo raggiungere i 78 punti totalizzati da Mazzarri, serve una vittoria col Verona. Il teatro e il successo di “Come un Cenerentolo”? Voglio ringraziare Peppe Barra, un uomo straordinario, difficile trovare personalità del genere nel nostro mondo”.

Commenti
avatar

Tilde Schiavone

Sono una persona che riesce a star bene con se stessa solo se intorno a lei c' è armonia, questo è il motivo per cui cerco di risolvere i conflitti esistenti tra le persone che mi circondano;non amo i gioielli, specialmente quelli costosi, preferisco gli accessori di poco valore; non amo ricevere in regalo i fiori recisi: preferisco ammirarli nei giardini dove compiono il loro naturale ciclo vitale e non nei vasi dove hanno vita breve..Amo il blues,il canto del dolore, e il mio sogno è raggiungere un giorno quei luoghi che lo hanno visto nascere; Amo gli indiani d' america, la loro spiritualità e la loro cultura. non vivrei senza i dolci e la pizza. Sono campanilista, napolista, meridionalista ...maradonista. Adoro gli animali, ritengo che non siano loro le bestie e sono vegetariana. Non mi piace parlare, quel che sento preferisco scriverlo, so esprimermi meglio con una penna in mano anziché dinanzi a un microfono, amo inoltre il folclore della mia terra e cerco, attraverso l' Associazione Culturale Fonte Nova d cui sono Presidente, di preservarlo e diffonderlo ... e duclis in fundo AMO LA MIA NAPOLI, senza se e senza ma, ringrazio Dio perchè ha fatto sì che nelle mie vene scorresse il sangue del Sud!