Parma-Livorno 2-0, Amauri regala l’Europa ai ducali

PARMA – E’ grande festa per il Parma. I ducali battono 2-0 il già retrocesso Livorno grazie a una doppietta di Amauri e torna in Europa, grazie al pareggio 2-2 tra Fiorentina e Torino. Decisivo l’ingresso in campo della punta italobrasiliana, che con due zuccate di testa ha prima sbloccato e poi messo al sicuro il risultato, permettendo così ai gialloblù di qualificarsi in Europa League.

LA CRONACA – Donadoni sa bene di giocarsi le residue speranze di conquistare l’Europa, obiettivo che coronerebbe una stagione splendida, e decide di schierare i suoi uomini con il 4-3-3, con Biabiany e Schelotto ad agire ai lati dell’unica punta di ruolo dei ducali Cassano. Sulla sponda livornese, invece, Nicola vuole chiudere al meglio un’annata amara che, dopo un solo campionato di serie A, ha visto il suo Livorno retrocedere matematicamente già domenica scorsa. Il tecnico dei toscani prova allora a mandare in campo la miglior formazione possibile e opta anche lui per il 4-3-3, con Belfodil, Siligardi e Paulinho bocche di fuoco dell’attacco amaranto. L’inizio della partita non è di certo scoppiettante e il Livorno, non avendo nulla da perdere, prova a giocare la partita. E’ il Parma, pur senza proporre un calcio incisivo, al 12′, a rendersi pericoloso creando la prima vera occasione da gol del match: Schelotto, dalla destra, crossa di prima intenzione per Biabiany che, contrastato da un difensore, da pochi passi, manda sopra la traversa. I padroni di casa sembrano avere le redini del gioco della partita; ma troppo spesso l’iniziativa d’attacco dei ducali si dimostra infruttuosa e poco concreta. Al 35′, l’ultimo sussulto della prima frazione di gioco: Cassano serve sulla sinistra Biabiany che, con un diagonale rasoterra, sfiora il palo alla sinistra di Anania.

AMAURI CAMBIA LA PARTITA – Al ritorno dagli spogliatoi, Donadoni e Nicola decidono di lasciare invariate le formazioni d’inizio gara. Il Parma riprende a macinare gioco nel tentativo di trovare il prezioso vantaggio; ma il livorno, proprio come nell prima parte, è bravo a chiudersi e a lasciare pochi spazi alla manovra offensiva ducale. La svolta del match arriva al 17′: Cassano, da corner, crossa per la testa dell’appena entrato Amauri, il quale insacca per l’1-0 parmense. Gli uomini di Donadoni, agguantato il vantaggio, non tolgono il piede dall’acceleratore e al 35′ trovano il raddoppio: Biabiany dalla destra serve Amauri che di testa impegna Anania, il quale non trattiene. Segue il più classico dei tap-in, decisivo per il 2-0 finale e per la doppietta personale dell’italo-brasiliano.

SPAZIO AI PORTIERI ‘VECCHIETTI’ – Curiosità nel finale, a risultato fatto sono entrati in campo i due portieri di riserva. Nel Livorno Aldegani, classe 1976, per Anania e nel Parma gioia per Pavarini, lui classe 1974, che abbandonerà definitivamente il calcio.

DOPO IL FISCHIO FINALE, LA FESTA GIALLOBLU’ – Finita la partita, nel Parma tutti sintonizzati con Firenze per sentire il finale tra Fiorentina e Torino. Al fischio del Franchi, è partita la grande festa di tutto l’ambiente gialloblù, con il presidente Ghirardi che ora può godersi questo traguardo importantissimo.

LIVORNO, ARRIVEDERCI IN ATTESA DI NOVITA’ SOCIETARIE –
Il Livorno dopo un solo anno abbandona la serie A e ripartire dalla B sperando di tornare subito nella massima serie. Sarà importante capire come andrà a finire la vicenda societaria, con la cessione da Spinelli a Bandecchi che sembrava sicura, ma invece ora è tutta da vedere. Nonostante l’ultimo posto molti giocatori, Paulinho su tutti, hanno dimostrato di poter giocare in questo palcoscenico.

PARMA-LIVORNO 2-0 (0-0)
PARMA (4-3-3) –
Mirante 6 (42′ st Pavarini sv), Cassani 6, Paletta 6,5, Gobbi 6, Molinaro 6, Acquah 6, Marchionni 6 (37′ st Galloppa sv), Parolo 6,5, Schelotto 6 (8′ st Amauri 8), Cassano 6.5, Biabiany 7 (Bajza, Rossini, Sall, Gargano, Jankovic, Munari, Mauri, Obi, Palladino) All. Donadoni.
LIVORNO (4-3-3) – Anania 6,5 (38′ st Aldegani sv), Ceccherini 6, Rinaudo 6, Emerson 6, Gemiti 6, Biagianti 6, Mosquera 6,5, Duncan 6, Belfodil 6 (17′ st Piccini 6), Paulinho 6, Siligardi 6 (24′ st Bartolini 6) (Bardi, Simonetti, Mesbah, Bruzzi, Biasci, Valentini, Coda, Tiritello) All. Nicola.
ARBITRO De Marco di Chiavari
RETI Amauri al 67′ e al 79′
AMMONITO Ceccherini
ANGOLI 7-1 per il Parma
RECUPERO 1′ e 3′
 

Fonte: Repubblica

Commenti