Sandro tra Napoli e Inter: i nerazzurri potrebbero inserire Guarin nell’operazione

guarinC’è anche il nome di Sandro nella lista dei centrocampisti centrali dotati di fisico e di rapidità che il ds Ausilio sta analizzando. Mazzarri conosce bene il brasiliano del Tottenham, aveva provato a portarlo a Napoli e le relazioni e i video allora acquisiti sono rimasti nell’archivio dallo staff del tecnico di San Vincenzo che adesso ha rispolverato il nome del centrocampista acquistato dal Tottenham nel 2010 per 10 milioni dall’ Internacional di Porto Alegre. Sandro piace anche al Napoli di Benitez che però lo considera un’alternativa di lusso a Mascherano, la prima scelta. L’Inter invece lo ha messo in cima alla sua lista e ha già chiesto informazioni attraverso il suo agente che, non a caso, ha aperto a un trasferimento in Italia. «A Sandro piacerebbe giocare in Serie A – ha detto Luiz Paulo Chignall – perché considera il campionato italiano molto importante e prestigioso. In questo momento però bisogna aspettare le decisioni del Tottenham che è proprietario del cartellino».

CHE ABBONDANZA. In casa Spurs questi sono giorni importanti perché, dopo l’arrivo del nuovo tecnico Pochettino, i dirigenti si trovano obbligati a sfoltire la rosa e a rimodellarla a seconda delle esigenze del tecnico portoghese che nella passata stagione al Southampton utilizzava un 4-2-3-1 di chiaro stampo offensivo. Il Tottenham per ricoprire i due ruoli davanti alla difesa ha diverse opzioni tra le quali Paulinho, Capoue, Bentaleb e Dembelé, tutti giocatori che nell’ultima stagione sono stati più utilizzati di Sandro. Il brasiliano anche nel 2013-14 ha avuto problemi fisici, una costante della sua avventura oltre Manica, e in Premier League ha disputato da titolare solo 10 incontri. Il dubbio sulla tenuta fisica di Sandro, insomma, l’Inter potrebbe averlo, ma sul suo valore ci sono poche incertezze.

VALUTAZIONE. Nell’estate 2012 il Tottenham disse di no a proposte che si aggiravano intorno ai 20 milioni di euro, ma adesso la sua quotazione è scesa e la mancata convocazione per i Mondiali in Brasile non rischia di far aumentare la concorrenza per Ausilio. Sandro ha un contratto fino al 2016 che l’Inter rileverebbe e allungherebbe. Pensare di averlo in prestito è complicato. Un’opzione può essere quella di inserire nel contratto un diritto di riscatto obbligatorio, ma gli Spurs intendono monetizzare subito e è verosimile che partano da una valutazione di almeno 15 milioni. Un simile investimento per l’Inter sarebbe importante, ma avendo il brasiliano 25 anni sarebbe ammortizzabile.

GUARIN E ALTRE IDEE. L’Inter potrebbe anche provare a inserire nell’operazione il cartellino del colombiano che già in inverno era stato proposto al Tottenham. Allora Fredy non era sembrato entusiasta della soluzione e anche gli Spurs non si erano scaldati eccessivamente. Adesso, però, Pochettino ha intenzione di chiedere molto pressing ai quattro giocatori offensivi che schiererà e per giocare dietro la prima punta Guarin darebbe delle garanzie visto che con Stramaccioni in questa posizione ha mostrato di saper segnare e anche servire assist ai compagni. Sandro non è l’unica opzione dell’Inter per il ruolo. Il Chelsea per ora ha detto no al prestito di Obi Mikel e chiede tra i 12 e i 15 milioni. M’Vila del Rubin Kazan è appetito dal Liverpool e non costa poco, mentre per Mario Suarez c’è da convincere il giocatore a lasciare Madrid ed eventualmente vincere la concorrenza del Napoli.

Corriere dello Sport

Commenti

Questo articolo è stato letto 790 volte