Pisani diffida Rete 4 per le offese alla memoria di Ciro Esposito e avanza richiesta di risarcimento danni.

angelo-pisani«Il tg4, come Daniele De Santis, colpisce a tradimento il povero Ciro Esposito, uccidendolo una seconda volta pur di tentare un vergognoso scoop». Durissime le affermazioni di Angelo Pisani, difensore della famiglia di Ciro Esposito, a seguito del servizio trasmesso ieri.

«Il tg di Rete 4 delle ore 19, proprio durante i funerali del giovane a Scampia e nella giornata del lutto cittadino per Ciro – attacca Pisani – ha gettato ombre sul suo gesto eroico, mettendo in dubbio la generosità costatagli la vita. E lo ha fatto senza neanche conoscere la realtà dei fatti ed il materiale investigativo, da cui emerge con assoluta certezza che Ciro ha perso la vita nel tentativo di difendere donne e bambini inermi, sacrificando se stesso».

«Mediaset – incalza l’avvocato – farà la stessa fine degli assassini di Ciro, chiediamo fin da subito giustizia, punizione e condanna esemplare, in sede civile e penale, per tutte le violazioni e strumentali diffamazioni diffuse in quel servizio».

Pisani, che come presidente della Ottava Municipalità ha organizzato e presieduto la cerimonia di saluto a Ciro, chiede poi che vengano accertate le ragioni alla base «di un servizio contenente tanta cattiveria gratuita da parte di Mediaset», proprio mentre alla famiglia del giovane era stata espressa solidarietà dallo stesso presidente Silvio Berlusconi.

Intanto la perentoria richiesta a Mediaset da parte del legale è l’immediata rettifica e cancellazione di un servizio che offende non solo la memoria di Ciro, ma anche i napoletani e il sentire collettivo di chi combatte la violenza nello sport. «Il tg 4 e i responsabili di questo vile ed ingiustificabile gesto – assicura Pisani – non resteranno impuniti. Lo dobbiamo alla memoria di Ciro».

 

Napoli, 28 giugno 2014                                                              

Ufficio stampa avvocato Angelo Pisani

 

Studio Pisani & Co.
Piazza Vanvitelli 15
  80129 Napoli, IT

Commenti