OBIETTIVO NAPOLI – Hamsik e Callejòn illuminano gli azzurri nel primo tempo

KoulibalyNapoliTest moderatamente positivo per il Napoli che, davanti al pubblico del San Paolo, ha trovato una buona vittoria contro i non particolarmente temibili greci del Paok Salonicco.
Nel primo tempo gli azzurri sono stati trascinati dalle belle giocate di Hamsik e Callejòn. Da un loro scambio è arrivato nei primissimi minuti il gol dell’1-0, sul quale l’undici di Benitez ha fondato tutta la sua gara. Nel reparto avanzato non hanno entusiasmato Duvan Zapata, poco pungente e spesso avulso dalla manovra, e uno spaesato Vargas, che per tutti i 45 minuti in cui è stato impiegato non è mai riuscito a trovare una giusta posizione in campo e l’intesa con i compagni.
Positive le indicazioni in difesa, dove ha brillato soprattutto il nuovo acquisto Koulibaly, confermatosi centrale molto forte fisicamente e alquanto veloce in rapporto alla sua stazza.
Nella ripresa i molti cambi hanno influito, come spesso accade in queste gare, sulla qualità del gioco. Dopo l’intervallo Benitez ha provato a proporre un nuovo sistema di gioco, schierando i suoi con un 4-3-3 con inizialmente il guizzante Mertens, subentrato a Callejòn, sulla destra, Hamsik sulla sinistra e Michu come punta centrale. Con questo modulo il Napoli ha un po’ faticato a trovare la profondità, complice anche una non perfetta condizione fisica di Michu che, entrato nella ripresa, è parso ancora un bel po’ indietro con la preparazione e non è riuscito praticamente mai a mettersi in luce. In mezzo al campo ha fornito una buona prova Inler, subentrato a Jorginho tra primo e secondo tempo, mentre Dzemaili e Radosevic, interni ai suoi lati, hanno avuto il merito, quasi esclusivo, di propiziare la rete all’ultimo minuto del giovane centrocampista croato. In difesa ha destato interesse l’ingresso del giovane Luperto al posto di Albiol, che ha avuto modo di mettersi un po’ in mostra nei minuti finali, mentre costantemente osannato dal pubblico è stato l’esperto portiere Colombo, subentrato a Rafael nel corso del secondo tempo.
Quello di stasera è parso in definitiva un Napoli ancora in piena costruzione, con molti giocatori che dovranno necessariamente cambiare aria e molti altri che, si spera, dovranno arrivare. Il ritardo nell’arrivo dei nuovi acquisti, specialmente a centrocampo, non consente alcun giudizio sulle potenzialità degli azzurri, nemmeno in prospettiva. Ai tifosi non resta che aspettare e sperare nella voglia di Benitez di migliorare il suo progetto tecnico-tattico. Nel frattempo l’appuntamento con il preliminare di Champions si avvicina…

 

E.L.

 

 

Questo articolo è stato letto 885 volte