Pandev, la Turchia chiama, ma in extremis spunta una ipotesi Parma

CASA ITALIA. E allora, le ultimissime indiscrezioni. Quelle che Pandev attende di celebrare come notizie di una nuova epoca: lui in azzurro ci avrebbe chiuso la carriera, però alla fine le cose sono andate diversamente da come immaginava e la vita del calciatore deve andare avanti. Amici più di prima, però c’è una casa nuova da cercare; anzi una squadra, perché a Milano lui è di casa sul serio: sulla sponda nerazzurra ci ha vinto il Triplete con Mou e qualcosina anche con Rafa (Supercoppa Italiana e Mondiale per club), però stavolta sarebbe il rosso, il colore da abbinare al nero. Si lavora con il Milan, con tante difficoltà, e si chiacchiera di un affare nel quale potrebbe finire anche Dzemaili (subito o magari più tardi). Già, i due stanno viaggiando a coppia in queste ore: il club azzurro ha offerto entrambi anche al Parma.

TURCHIA D’ORO . Tutto qua? Macché. In fila, da speranzosa pretendente, c’è anche la Fiorentina: Montella è un grande estimatore di Pandev, però l’ingaggio è un fardello difficile da sostenere e senza una riduzione la trattativa è un labirinto con pochissime vie d’uscita. Al di là del Bosforo, invece, si registra il pressing del Galatasaray, il club che gli ha confezionato un’offerta coi fiocchi per i prossimi tre anni. La migliore possibile. L’obiettivo primario è proseguire la vita italiana, però in Turchia fanno molto sul serio.

QUANTE STORIE . Ieri, comunque, per lui è stata una giornata un po’ così: niente lavoro, oltre alla mancata convocazione per Ginevra, per l’affaticamento che a questo punto lo terrà fermo ancora un po’. Fermo restando la possibilità di risolvere in un paio di giorni, magari tra oggi e domani, il rebus-futuro. La certezza è che re Goran lascerà Napoli e il Napoli; proprio come aveva detto De Laurentiis qualche settimana fa. Game over, avventura finita, titoli di coda. Con la soddisfazione di aver avuto una lista di proposte, sondaggi e offerte sin dalla fine del campionato: da giugno il nome di Pandev è stato accostato all’Olympiacos; al Fenerbahce; al Tottenham; all’Olympique Marsiglia; al Wolfsburg; alla Samp e al Torino (che avevano anche formulato offerte); alla Fiorentina, al Galatasaray, al Milan e al Parma. Queste le storie note, chissà poi quelle rimaste sott’acqua e mai emerse dal mare magnum del mercato.

IL FUORICLASSE . E il Napoli? Beh, il Napoli è stato un amore di tre anni che l’ha segnato, in qualche modo, perché la città lo ha rapito e i rapporti sono stati intensi. Cose fondamentali, per un genio sregolato come lui; un tipo che vive di estro e colpi, passione e sentimenti. Fuoriclasse vero, il signor Pandev, anche se in azzurro la mancanza di continuità non ha mai dato libero sfogo al suo incredibile talento. E allora, pronti ai saluti: con la certezza di avere soltanto intravisto.

Corriere dello Sport

Commenti