Piano Higuain: per il preliminare Pipita in campo

Un programma personalizzato, allenamenti intensi ma carichi non troppo pesanti: Gonzalo Higuain dovrà essere in campo, da titolare, nel preliminare di Champions che indirizzerà la stagione del Napoli. Di conseguenza, il preparatore atletico Paco De Miguel ha concertato con lo staff medico del Napoli una preparazione specifica che permetterà al Pipita di guidare l’attacco nel primo impegno ufficiale della stagione. Higuain si è allenato anche ieri, sta mettendo benzina nelle gambe e sarà in campo, per uno spezzone di gara, lunedì contro il Paris St. Germain (quando la squadra verrà presentata ai tifosi). Sarà un test importante per capire a che punto è la condizione dell’argentino, ma decisivi saranno i giorni a cavallo di Ferragosto quando si aggregherà ai compagni. Per il 19-20 non potrà essere al top, ma Benitez ha bisogno di lui. Impossibile rinunciare a Higuain dopo quanto si è visto nelle amichevoli: Michu è in ritardo di condizione e non lo si vuole bruciare, Zapata sta meglio dello spagnolo ma rappresenta una incognita a certi livelli. Higuain resta imprescindibile.
Fermento Per aiutarlo a segnare di più, il Napoli prenderà un altro esterno offensivo appena avrà risolto le situazioni Vargas e Pandev. M’Poku dello Standard Liegi è uno dei nomi papabili, ma non è l’unico. Oltre a Marouane Fellaini, Lucas Leiva del Liverpool resta la pista più accessibile anche perché di mediani dovranno arrivarne due. Calano le chance di permanenza di Gargano e si tratta Dzemaili con il Milan, che oggi non arriva ad offrire i cinque milioni richiesti dal Napoli. Ne ha offerti dieci, invece, lo Swansea per Fernandez. Il Napoli ha iniziato a valutare le alternative all’argentino, che non verrà ceduto fin quando non ci sarà un sostituto all’altezza.

La Gazzetta dello Sport

Commenti