Colantuono: “la Juve resta la squadra da battere, il Napoli sullo stesso piano di Inter, Milan, Lazio e Fiorentina”

Stefano Colantuono, tecnico dell’ Atalanta, ha rilasciato alcune dichiarazioni sul sito del club e ha parlato, tra le altre cose, del campionato e della lotta scudetto: ” Quello italiano è  sempre e comunque un campionato difficile rispetto ad altri. Non succede mai che una grande vada in casa di una piccola in provincia e vinca facile senza sudare le proverbiali “sette camice”. Da questo punto di vista il nostro è il torneo più equilibrato. E’ vero, abbiamo perso dei giocatori importanti che hanno preferito altri campionati dove sono garantiti ingaggi che qui non possiamo permetterci. C’è una forte crisi in Italia, si sta attenti a non sprecare risorse non solo nel calcio ma in tutti gli ambiti. Dovremo stare tutti più attenti a lavorare sulle idee e di più sul campo. Il segreto sarà anticipare la scoperta di giovani importanti cercando di organizzarsi al meglio. In passato si parlava spesso dell’arte di arrangiarsi, non siamo a quei livelli ma serve rimboccarsi le maniche e sfruttare al massimo idee e lavoro’.Credo che la Juventus  sia ancora la squadra da battere. La Roma si è avvicinata molto ma avrà anche l’impegno in Champions League. Poi ci sono Napoli, Fiorentina, Milan, Inter e Lazio. Possiamo pensare ad una serie A divisa in tre tronconi: chi lotta per il campionato, chi per non andare in serie B e chi si posiziona in quella fascia di mezzo dove serve grande attenzione per non cadere e tanta voglia di sognare per tentare la scalata verso l’Europa”.


fonte – www.atalanta.it

Commenti
avatar

Tilde Schiavone

Sono una persona che riesce a star bene con se stessa solo se intorno a lei c' è armonia, questo è il motivo per cui cerco di risolvere i conflitti esistenti tra le persone che mi circondano;non amo i gioielli, specialmente quelli costosi, preferisco gli accessori di poco valore; non amo ricevere in regalo i fiori recisi: preferisco ammirarli nei giardini dove compiono il loro naturale ciclo vitale e non nei vasi dove hanno vita breve..Amo il blues,il canto del dolore, e il mio sogno è raggiungere un giorno quei luoghi che lo hanno visto nascere; Amo gli indiani d' america, la loro spiritualità e la loro cultura. non vivrei senza i dolci e la pizza. Sono campanilista, napolista, meridionalista ...maradonista. Adoro gli animali, ritengo che non siano loro le bestie e sono vegetariana. Non mi piace parlare, quel che sento preferisco scriverlo, so esprimermi meglio con una penna in mano anziché dinanzi a un microfono, amo inoltre il folclore della mia terra e cerco, attraverso l' Associazione Culturale Fonte Nova d cui sono Presidente, di preservarlo e diffonderlo ... e duclis in fundo AMO LA MIA NAPOLI, senza se e senza ma, ringrazio Dio perchè ha fatto sì che nelle mie vene scorresse il sangue del Sud!