Vidic: “In Italia in tanti simulano e gli arbitri sono svantaggiati”

Vigilia di Palermo-Interparticolare in casa nerazzurra. Niente conferenza stampa per Mazzarri, al suo posto Vidic: ”Dopo Torino sono arrivate due vittorie tra campionato e Europa. Ottimo, questo ci ha dato fiducia: continuiamo così anche a Palermo. E’ presto parlare, vorremmo però arrivare tra i primi tre a fine campionato. Come mi trovo in Italia? Mi sto ambientando, qui si simula di più che in Premier e gli arbitri faticano anche per questo”.

‘Devo ancora adattarmi al calcio italiano – ha continuato il serbo – ho anche cambiato paese. E’ molto diverso rispetto all’Inghilterra, spesso è anche colpa dei giocatori che chiedono falli in situazioni non estreme. Questo in Premier non succede, quindi devo abituarmi anche ai giocatori. Spero di poterlo fare il prima possibile, ho chiesto consiglio anche a Ranocchia”.

Due parole anche su tecnico del presente e su quello del passato: Mazzarri e Ferguson hanno punti in comune: per entrambi è importante avere una buona atmosfera e un gruppo compatto. Il modulo è diverso, ma lo spirito identico”. Anche la squadra gli piace: “Ci sono parecchi giocatori esperti e di alto livello che possono essere un esempio per i giovani, sia dentro che fuori dal campo. Dobbiamo raggiungere gli obiettivi che ci siamo prefissati anche attraverso il lavoro di gruppo. Mi sto adattando alla difesa a tre. Mi trovo a mio agio e spero si possa vedere anche a Palermo. Stiamo difendendo bene, stiamo dimostrando solidità'”.

fonte – sportmediaset

Commenti

Questo articolo è stato letto 387 volte

Tilde Schiavone

Sono una persona che riesce a star bene con se stessa solo se intorno a lei c' è armonia, questo è il motivo per cui cerco di risolvere i conflitti esistenti tra le persone che mi circondano;non amo i gioielli, specialmente quelli costosi, preferisco gli accessori di poco valore; non amo ricevere in regalo i fiori recisi: preferisco ammirarli nei giardini dove compiono il loro naturale ciclo vitale e non nei vasi dove hanno vita breve..Amo il blues,il canto del dolore, e il mio sogno è raggiungere un giorno quei luoghi che lo hanno visto nascere; Amo gli indiani d' america, la loro spiritualità e la loro cultura. non vivrei senza i dolci e la pizza. Sono campanilista, napolista, meridionalista ...maradonista. Adoro gli animali, ritengo che non siano loro le bestie e sono vegetariana. Non mi piace parlare, quel che sento preferisco scriverlo, so esprimermi meglio con una penna in mano anziché dinanzi a un microfono, amo inoltre il folclore della mia terra e cerco, attraverso l' Associazione Culturale Fonte Nova d cui sono Presidente, di preservarlo e diffonderlo ... e duclis in fundo AMO LA MIA NAPOLI, senza se e senza ma, ringrazio Dio perchè ha fatto sì che nelle mie vene scorresse il sangue del Sud!