– Paolo Prestisimone: “Insigne? Non sempre le lacrime portano dolore, erano versate con l’anima”

PAOLO PRESTISIMONE, giornalista editorialista del Roma, ex Giorno, CNN e Repubblica, è intervenuto a “NAPOLI MAGAZINE”, trasmissione radiofonica dedicata al Calcio Napoli, che approfondisce i temi sul Calcio Napoli proposti da NapoliMagazine.com, in onda dal lunedì al venerdì, dalle 14.30 alle 16.00, con Michele Sibilla e Antonio Petrazzuolo in conduzione, per il consueto punto sugli azzurri. Ecco quanto ha affermato: “Il desiderio della guarigione del Napoli è talmente tanto forte che ci porta a sbilanciarci un po’ troppo, ma andiamoci piano e teniamoci stretti quei segnali incoraggianti che sono arrivati dal campo, nella gara contro il Torino. Come dice Benitez, dobbiamo continuare sin prisa e sin pausa. Un po’ di italianismo dell’allenatore spagnolo non guasta, anzi, credo che sia la strada giusta per continuare a risalire la china. Importante aggrapparci a qualche segnale positivo, ad esempio il prossimo rinnovo contrattuale di Insigne, che si legherà al Napoli fino al 2019 e che collego alle lacrime di gioia e liberazione dopo il gol segnato al Torino. Non sempre le lacrime portano dolore, anzi, possono essere foriere di buone notizie se versate con l’anima. Non possiamo dire alla Federcalcio di cambiare il calendario della Nazionale, ma in questo momento, la sosta non arriva a puntino, anche per le condizioni dell’Inter che sarebbe stato meglio affrontare subito. Benitez, comunque, può approfittarne per perfezionare i nuovi meccanismi e recuperare la condizione di qualche giocatore. Quagliarella, Insigne, sono solo due dei tanti napoletani che giocano in serie A, ma parlare di un Napoli fatto di napoletani, per ora, è fantacalcio. Credo che ogni tifoso napoletano sogni una squadra vincente composta da giocatori napoletani”.

 

Commenti
avatar

Tilde Schiavone

Sono una persona che riesce a star bene con se stessa solo se intorno a lei c' è armonia, questo è il motivo per cui cerco di risolvere i conflitti esistenti tra le persone che mi circondano;non amo i gioielli, specialmente quelli costosi, preferisco gli accessori di poco valore; non amo ricevere in regalo i fiori recisi: preferisco ammirarli nei giardini dove compiono il loro naturale ciclo vitale e non nei vasi dove hanno vita breve..Amo il blues,il canto del dolore, e il mio sogno è raggiungere un giorno quei luoghi che lo hanno visto nascere; Amo gli indiani d' america, la loro spiritualità e la loro cultura. non vivrei senza i dolci e la pizza. Sono campanilista, napolista, meridionalista ...maradonista. Adoro gli animali, ritengo che non siano loro le bestie e sono vegetariana. Non mi piace parlare, quel che sento preferisco scriverlo, so esprimermi meglio con una penna in mano anziché dinanzi a un microfono, amo inoltre il folclore della mia terra e cerco, attraverso l' Associazione Culturale Fonte Nova d cui sono Presidente, di preservarlo e diffonderlo ... e duclis in fundo AMO LA MIA NAPOLI, senza se e senza ma, ringrazio Dio perchè ha fatto sì che nelle mie vene scorresse il sangue del Sud!