Young Boys-Napoli, i top e i flop di Paolo Prestisimone

Paolo Prestisimone, noto giornalista, scrive su “NapoliMagazine.Com”: “Far finta di aver visto una partita tra due squadre(tte) di calcio di quella che è pur sempre la seconda coppa (-etta) di calcio d’Europa è mestiere difficile anche per chi ne ha viste millanta che tutta notte canta. Giudicare migliori (migliori si fa per dire) e peggiori neanche a parlarne. Lo stadiolo di Berna è stato invece teatro perfetto di una triste recita tra guitti d’avanspettacolo dove persino le stecche sono talvolta parse assoli non disprezzabili. Questo ora tocca ai napoletani, intesi come attori e pubblico, e tocca pure farsela piacere.

BUONI (MENO PEGGIO)

Vattelapesca –  Ripassate prego. Roba da esame professionale pescarne qualcuno tra quelli in maglia azzurra. Ci proviamo, chiediamo comprensione. Qualcuno ci aiuti.

Mertens 6 – Dal passino (a maglie larghe) spunta il belghetto che almeno fa finta di ricordarsi d’esser stato un predatore, persino di lusso. Canta e porta la croce, soprattutto porta la croce.

CATTIVI

Benitez 4 – E’ omaggio al suo Sapere classificarlo, anzi bocciarlo. Ci perdonerà, speriamo, ma bocciare il Gran Maestro significa non riconoscere come sua la combriccola vista a Berna. Un’allegra (si fa per dire allegra) comitiva di dopolavoristi in gita sociale. Nessuno che sapesse manco raccontar barzellette. Idee zero virgola zero, novità tattiche zero virgola zero. No, quella vista non doveva essere una sua squadra, sicuro…

Michu 3 – Siamo larghi di voto. Non pervenuto. Doveva essere in campo ma ha perso la strada che dagli spogliatoi porta sul campo. Infatti dopo era profumato, pulitissimo, luccicante. E grazie, era rimasto sotto la doccia per 90’…

Albiol 4 – Di memoria corta. Non ha ricordato la zona di campo di sua pertinenza, chiunque passasse in maglia nero-gialla, anzi, gli stendeva un tappeto rosso. Questione d’educazione. Un milord.

Jorginho 3 – Altro gentleman. Persino più di tutti. Non ne azzecca una che sia una. E tutto fatto al rallentatore. E’ fine palleggiatore, dicono. Per pudore non indaghiamo con quali palle si sia cimentato.

Maggio, Henrique e chi volete 4 – Acceleriamo i tempi e facilitiamo la categorie di lavoratori del giornale che fino a poche ore fa son state quelle che per ultime lasciavano banco di lavoro. Tocca ai distributori l’ultimo sforzo. Alla prossima. Peggio non potrà andare”.

 

Commenti
avatar

Tilde Schiavone

Sono una persona che riesce a star bene con se stessa solo se intorno a lei c' è armonia, questo è il motivo per cui cerco di risolvere i conflitti esistenti tra le persone che mi circondano;non amo i gioielli, specialmente quelli costosi, preferisco gli accessori di poco valore; non amo ricevere in regalo i fiori recisi: preferisco ammirarli nei giardini dove compiono il loro naturale ciclo vitale e non nei vasi dove hanno vita breve..Amo il blues,il canto del dolore, e il mio sogno è raggiungere un giorno quei luoghi che lo hanno visto nascere; Amo gli indiani d' america, la loro spiritualità e la loro cultura. non vivrei senza i dolci e la pizza. Sono campanilista, napolista, meridionalista ...maradonista. Adoro gli animali, ritengo che non siano loro le bestie e sono vegetariana. Non mi piace parlare, quel che sento preferisco scriverlo, so esprimermi meglio con una penna in mano anziché dinanzi a un microfono, amo inoltre il folclore della mia terra e cerco, attraverso l' Associazione Culturale Fonte Nova d cui sono Presidente, di preservarlo e diffonderlo ... e duclis in fundo AMO LA MIA NAPOLI, senza se e senza ma, ringrazio Dio perchè ha fatto sì che nelle mie vene scorresse il sangue del Sud!