A Bergamo si cambia ma con moderazione: Inler e Mertens dal primo minuto

LE IPOTESI. Ieri mattina a Castelvolturno, coloro che non avevano partecipato alla sfida con il Verona hanno sostenuto una seduta tecnico tattica culminata in una sfida tra attaccanti e difensori. E poi, esercitazioni sulle palle inattive. Gli altri, invece, hanno svolto lavoro defaticante mentre Britos, dopo aver sostenuto parte della seduta con il gruppo si è staccato per seguire un lavoro personalizzato. Dovrebbe essere pronto per la Roma. Oggi ancora allenamento mattutino e poi partenza per Bergamo. Considerando che tre elementi sono indisponibili (Zuniga, Britos e Gargano), con l’Atalanta vedremo tre o quattro inserimenti al massimo. Gli indiziati ad osservare un turno di riposo potrebbero essere Maggio, Jorginho ed Insigne. Per rimpiazzarli, sarebbero pronti Henrique, Inler e Mertens. Il condizionale è d’obbligo.

IN DIFESA. Il dubbio riguarda l’impiego di Maggio. Era in campo a Berna e anche con il Verona. Possibile che a Bergamo lasci il posto a Henrique (subentrato nel finale, domenica) per poi ricomparire in formazione con la Roma. La coppia centrale resterà tale, Albiol-Koulibay. Un problema nascerebbe a sinistra nel caso Britos dovesse allungare i tempi di recupero. A quel punto, Ghoulam sarebbe costretto a giocare quattro gare di fila.

STAFFETTA. A centrocampo, esce Jorginho e rientra Inler, con al fianco David Lopez. Sembra scontata la staffetta. L’italo brasiliano sarà invece pronto a rimpiazzare lo spagnolo contro la Roma. Uno entra, l’altro riposa, a questo punta Benitez sperando che i meccanismi non ne risentano più di tanto. In questo reparto, l’infortunio di Gargano ha creato una situazione di emergenza che però sembra essere superata dalla crescita di David Lopez.

IL DUBBIO. Insigne o Mertens? Il belga sembra favorito a cominciare dall’inizio con l’Atalanta in modo da avere Insigne prontissimo per la Roma. Intoccabile, Higuain. Semmai il Pipita potrebbe riposare con lo Young Boys.

 

Corriere dello Sport

Commenti

Questo articolo è stato letto 373 volte