Parma nel mirino della Covisoc: deferiti il club, Ghirardi e Leonardi

ROMA – Non c’è pace per il Parma. Dopo l’esclusione dall’Europa League e l’avvio difficile in campionato (a Torino ottava sconfitta in nove partite), il Procuratore federale ha infatti deferito al Tribunale Federale Nazionale, Sezione Disciplinare, Tommaso Ghirardi e Pietro Leonardi, rappresentanti legali pro-tempore del Parma, nonché la società stessa a titolo di responsabilità diretta e oggettiva, a seguito di una segnalazione della Covisoc Ghirardi e Leonardi sono stati deferiti “per non aver documentato agli Organi Federali competenti l’avvenuto pagamento delle ritenute Irpef relative agli emolumenti dovute ai tesserati per le mensilità di novembre e dicembre 2013, nei termini stabiliti dalla normativa federale e per non aver utilizzato per il pagamento degli emolumenti dovuti ai tesserati per le mensilità di novembre e dicembre 2013 il bonifico bancario, sul conto corrente indicato in sede di ammissione al Campionato di competenza”.

GUARDA LA SINTESI DI TORINO-PARMA

Inoltre Leonardi e Mario Bastianon, presidente del Collegio Sindacale del Parma, sono stati deferiti “per aver prodotto alla Co.Vi.So.C. in data 17 febbraio 2014 la dichiarazione attestante circostanze e dati contabili non veridici”. La società ducale ora rischia una pesante multa o una penalizzazione in campionato, che andrebbe a complicare ulteriormente l’avvio di stagione della formazione di Roberto Donadoni.

serie A

parma calcio
Protagonisti:

Fonte: Repubblica

Commenti