Anna Trieste: “Garcia è passato dal violino al putipù, le voci su Reina e quelle tre occasioni vanificate”

ANNA TRIESTE, giornalista del Napolista e del Corriere del Mezzogiorno, è intervenuta a “NAPOLI MAGAZINE”, trasmissione radiofonica dedicata al Calcio Napoli, che approfondisce i temi sul Calcio Napoli proposti da NapoliMagazine.com, in onda dal lunedì al venerdì, dalle 14.30 alle 16.00, su Radio Punto Zero, con Michele Sibilla e Antonio Petrazzuolo in conduzione, per il consueto punto sugli azzurri. Ecco quanto ha affermato: “Anche se avessi avuto l’influenza a 40, dopo sabato era impossibile non sentirsi così bene. Garcia è passato dal violino al putipù. In effetti ci sono voci su Pepe Reina che potrebbe tornare in prestito a gennaio, se, ovviamente, abbassa le pretese sul suo compenso. Potremmo promuovere una colletta per aiutare De Laurentiis, ma non credo che raccoglieremmo moltissimo. Ho esultato con  ritardo al gol di Higuain perché credevo che fosse in fuorigioco, ma devo dire che tutto il mio quartiere ha avuto la stessa sensazione. Voglio dire, anzi, a Benitez non devo dire niente perché mi fido di lui e delle sue scelte, anche se non sempre i fatti gli hanno dato ragione. Ma da qui a dire che non è capace ce ne corre. Chiudo con un abbraccio circolare ed un bacio azzeccoso a tutti, a chi ama e chi non ama Benitez. Su Twitter utilizzo termini partenopei, quali “mammt”, “afammoc” e il celebre “chitem…”: classici pensieri che da trubutare quando viene vanificata una chiara occasione da gol. Paroline che sicuramente saranno passate per la testa dei napoletani dopo la bella cavalcata di Koulibaly, che non è stata chiusa con la finalizzazione a rete, la traversa di Hamsik e il cucchiaio corto di Callejon”.

 

Commenti
avatar

Tilde Schiavone

Sono una persona che riesce a star bene con se stessa solo se intorno a lei c' è armonia, questo è il motivo per cui cerco di risolvere i conflitti esistenti tra le persone che mi circondano;non amo i gioielli, specialmente quelli costosi, preferisco gli accessori di poco valore; non amo ricevere in regalo i fiori recisi: preferisco ammirarli nei giardini dove compiono il loro naturale ciclo vitale e non nei vasi dove hanno vita breve..Amo il blues,il canto del dolore, e il mio sogno è raggiungere un giorno quei luoghi che lo hanno visto nascere; Amo gli indiani d' america, la loro spiritualità e la loro cultura. non vivrei senza i dolci e la pizza. Sono campanilista, napolista, meridionalista ...maradonista. Adoro gli animali, ritengo che non siano loro le bestie e sono vegetariana. Non mi piace parlare, quel che sento preferisco scriverlo, so esprimermi meglio con una penna in mano anziché dinanzi a un microfono, amo inoltre il folclore della mia terra e cerco, attraverso l' Associazione Culturale Fonte Nova d cui sono Presidente, di preservarlo e diffonderlo ... e duclis in fundo AMO LA MIA NAPOLI, senza se e senza ma, ringrazio Dio perchè ha fatto sì che nelle mie vene scorresse il sangue del Sud!