Biglia spaventa la Lazio: “A Roma sto benissimo, ma se il Real chiamasse…”

ROMA – In questo momento è probabilmente il giocatore più importante della Lazio, Lucas Biglia. Si è visto anche nell’ultima gara persa contro l’Empoli: il regista argentino è apparso leggermente sottotono rispetto alle partite precedenti, a livello di dinamismo e precisione non è riuscito a ripetersi sugli alti standard di questo inizio di stagione. Ne ha risentito l’intera squadra, che senza il suo “direttore d’orchestra” in campo non è riuscita a premere sull’acceleratore con la consueta intensità. Un elemento fondamentale, insomma. Non a caso Pioli lo ha messo al centro del suo progetto, scalzando una colonna della squadra come Ledesma e allontanando qualsiasi ipotesi di ballottaggio. Il titolare è Lucas, finalista mondiale con la sua Argentina e calciatore ben diverso rispetto a quello tatticamente confuso della prima stagione in Italia.

BIGLIA: “IL REAL MADRID? SPERO RICAPITI UN’OCCASIONE COSÌ”
– Anche per questo è stato confermato tra i convocati della Selección dal “Tata” Martino, nuovo ct dell’Albiceleste. Proprio dal ritiro della Nazionale, però, arrivano delle dichiarazioni poco confortanti dello stesso Biglia: “In estate c’era la possibilità di andare al Real Madrid, ma siccome la chiusura dalla finestra di mercato era molto vicina non se ne fece nulla. Alla Lazio mi trovo benissimo, però voglio continuare a crescere e spero che in futuro mi capiti di nuovo un’occasione del genere”. Era il 28 agosto scorso: le Merengues, subito dopo aver venduto Xabi Alonso al Bayern Monaco, bussarono alla porta di Lotito per il centrocampista argentino. Ma a così pochi giorni dalla chiusura del mercato sarebbe stato pressoché impossibile trovare un sostituto all’altezza di Biglia e così non se ne fece nulla, nonostante l’offerta da 20 milioni sottoposta all’attenzione del presidente della Lazio. In futuro però le cose potrebbero cambiare, soprattutto se il numero 20 biancoceleste dovesse confermarsi sui livelli di inizio anno. A quel punto se dovesse presentarsi un’altra occasione del genere – tra i sogni di Biglia c’è anche quello di un’esperienza in Premier League – sarebbe davvero difficile blindare il regista ex Anderlecht.

BASTA NON GIOCHERÀ CON LA SERBIA, IL CT: “SAREBBE RISCHIOSO”  –  Buone notizie arrivano invece dal ritiro dalla Serbia. Dusan Basta, al rientro dopo l’infortunio al polpaccio che lo ha tenuto fuori nell’ultimo mese e mezzo, non sarà impiegato dal ct Dick Advocaat nella delicata sfida con la Danimarca di venerdì, valida per le qualificazioni ai prossimi Europei: “Non ha giocato per sei settimane – spiega il tecnico della Serbia – e sarebbe rischioso fargli disputare un match così importante di qualificazione dopo uno stop così lungo”. Basta resterà in ritiro e proseguirà il protocollo riabilitativo elaborato dallo staff medico biancoceleste, in modo da essere pronto per la gara con la Juve al rientro in campionato dopo la sosta.

serie A

ss lazio
Protagonisti:
lucas biglia

Fonte: Repubblica

Commenti

Questo articolo è stato letto 181 volte