Maria Mazza: “Fischi inopportuni”

Maria Mazza, nota showgirl, scrive su “NapoliMagazine.Com”: “ Il pubblico napoletano, o una parte di esso, non ci sta e fischia la squadra di Benitez che, domenica mattina, riesce a strappare un pareggio molto sofferto ad un ottimo Empoli. Coi fischi poi sfuma anche il terzo posto, raggiunto a fatica dagli azzurri che si piazzano quinti deludendo tifosi ed appassionati con una prestazione che proprio non piace. Durante il primo tempo predomina l’Empoli, va subito in vantaggio con Verdi al suo primo goal in serie A, e più volte vicino al raddoppio a causa di un Napoli che tarda ad entrare in partita. Non convince l’asse sulla destra Callejon-Maggio, che proprio non trovano l’intesa, l’unico del Napoli che riesce a farsi sentire sotto la porta dell’Empoli è Zapata, altro guizzo quello di Hamsik che ha la possibilità di pareggiare, ma Sepe non si fa trovare impreparato, così il primo tempo finisce col vantaggio della squadra ospite e tanti fischi per gli azzurri. Benitez dunque sbaglia il primo tempo lasciando la totale supremazia all’Empoli. Comincia il secondo tempo e subito Rugani, che neanche doveva giocare, raddoppia, ma è qui che forse la squadra azzurra capisce che ha l’obbligo di reagire, anche perchè stava per subire il terzo goal. A questo punto Benitez chiama Hamsik, applaudito dai più, e manda in campo Higuain, ma è ancora Zapata che si distingue riaprendo la partita col suo goal, esce poi Mertens che lascia spazio a De Guzman che, appena entrato, segna un goal importantissimo per la squadra azzurra la quale finalmente trova il pareggio. A questo punto, con un guizzo d’orgoglio, gli azzurri sfiorano, ma mancano, il terzo goal, e la partita finisce con un sofferto pareggio. Ci siamo sentiti tutti sollevati per il pari, visto l’inizio della gara, ma una parte del pubblico proprio non ha digerito l’atteggiamento della squadra lasciandosi andare a sonori fischi. Sicuramente la prestazione azzurra non è piaciuta e non ha convinto nessuno, occorre fare meglio, metterci grinta e passione, ma i fischi proprio non sembrano opportuni, anzi, in questi momenti, va dato maggiore appoggio alla squadra che si ama, d’altro canto i ragazzi, l’allenatore e la società devono dare segnali tangibili di ripresa e di amore che questo pubblico meraviglioso, che solo pochissime squadre hanno, merita”.

 

Commenti

Questo articolo è stato letto 463 volte

avatar

Tilde Schiavone

Sono una persona che riesce a star bene con se stessa solo se intorno a lei c' è armonia, questo è il motivo per cui cerco di risolvere i conflitti esistenti tra le persone che mi circondano;non amo i gioielli, specialmente quelli costosi, preferisco gli accessori di poco valore; non amo ricevere in regalo i fiori recisi: preferisco ammirarli nei giardini dove compiono il loro naturale ciclo vitale e non nei vasi dove hanno vita breve..Amo il blues,il canto del dolore, e il mio sogno è raggiungere un giorno quei luoghi che lo hanno visto nascere; Amo gli indiani d' america, la loro spiritualità e la loro cultura. non vivrei senza i dolci e la pizza. Sono campanilista, napolista, meridionalista ...maradonista. Adoro gli animali, ritengo che non siano loro le bestie e sono vegetariana. Non mi piace parlare, quel che sento preferisco scriverlo, so esprimermi meglio con una penna in mano anziché dinanzi a un microfono, amo inoltre il folclore della mia terra e cerco, attraverso l' Associazione Culturale Fonte Nova d cui sono Presidente, di preservarlo e diffonderlo ... e duclis in fundo AMO LA MIA NAPOLI, senza se e senza ma, ringrazio Dio perchè ha fatto sì che nelle mie vene scorresse il sangue del Sud!