Gabbiadini, parla la sorella: «Manolo al Napoli per fare il grande salto. In azzurro anche per Benitez».

Melania Gabbiadini, sorella dell’attaccante Manolo in procinto di trasferirsi dalla Sampdoria al Napoli e nota calciatrice italiana, ha rilasciato un’intervista per l’edizione odierna de ‘Il Mattino’: «​Higuain e Callejon lo prendano sotto braccio e gli insegnino tutto ciò che gli serve per diventare un campione».

Siete gli unici fratelli-bomber del calcio italiano?

«È vero. Ora lui sta per fare il grande salto. È forte, nella testa soprattutto. Testardo. Lavoratore. Come tutti noi bergamaschi. Però io di scudetti ne ho vinti già quattro. Ora tocca a lui cominciare».

Per questo ha scelto Napoli?

«Era pronto a fare il grande passo da tempo. Sa di andare in una squadra importante, in una delle piazze più prestigiose d’Italia. Gli ho detto di continuare a tenere i piedi per terra, perché lì è facile che ti portino in cielo, ma poi è altrettanto facile precipitare all’inferno al primo errore».

Da attaccante, gli ha insegnato lei a fare gol?

«Non ha mai avuto bisogno di nulla. Ora in campo abbiamo stesse caratteristiche e movenze, ma invidio il suo mancino. Pure nella vita siamo simili, tranquilli e molto umili. E testoni: se ci mettiamo in testa una cosa…».

È stata lei ad accompagnarlo al primo allenamento?

«È vero. Sono più grande di sette anni. Quando aveva sei anni lo portai a giocare nella squadretta del paese, a Bolgare. Lui si presenta con i guanti: voleva fare il portiere, come il nostro papà Giuseppe. Solo che ogni volta che giocava fuori dai pali, faceva gol. Il suo destino era di fare l’attaccante. Lui però è sinistro, io destro. Ma certi gol li ha visti fare a me».

A chi somiglia?

«Tutti dicono che ha il sinistro di Gigi Riva. Io non l’ho mai visto in azione l’ex bomber del Cagliari, però devo dire che quando in tv ci sono i suoi gol pure io penso che ci sia una certa similitudine».

Cosa le piace del suo carattere?

«La tenacia. Non molla mai. Faceva l’apprendista all’officina meccanica di mio zio a 15 anni e poi andava ad allenarsi con l’Atalanta. È bravissimo con i motori, le auto, gli scooter».

Un vizio che non ha?

«Io amo i tatuaggi, ho fatto anche un corso. Lui non tanto. Ma un anno fa ho convinto Manolo a farsene finalmente uno. E ora ha tre stelline che sono per lui un portafortuna».

Chi sono stati gli allenatori più importanti per Manolo?

«Pioli è stato il primo che ha creduto in lui. Ma Mihajlovic è stato fondamentale per diventare quello che è adesso».

Benitez?

«Uno che ha sempre fatto esplodere i giovani. Penso a Fernando Torres. È il tecnico giusto in questo momento per Manolo. Se ha detto sì al Napoli è stato anche perché c’è lui».

Il Mattino

Commenti

Questo articolo è stato letto 458 volte