Parma caos, nuova rivoluzione: Taci ha già venduto

PARMA – Il Parma è sempre più nel caos: l’era di Rezart Taci è già finita. Il nuovo ribaltone alla guida della società crociata è avvenuto in tempi brevissimi. Taci, che aveva rilevato il club da Ghirardi a dicembre, ha già venduto, ma non si hanno ancora notizie ufficiali sul possibile nuovo proprietario: secondo le prime indiscrezioni si tratterebbe di un gruppo industriale lombardo con interessi in Russia. Un fulmine a ciel sereno, quindi: la speranza per il club ducale è che, nonostante dal punto di vista sportivo (ma non solo) la situazione sia compromessa, questo repentino cambio societario possa regalare al Parma quella tranquillità dal punto di vista economico che è mancata fin dall’inizio del ritiro estivo.

Il termine per il pagamento degli stipendi a calciatori, staff tecnico e agli altri dipendenti scade a metà febbraio: i giocatori sono pronti a mettere in mora la società, ma la nuova proprietà (ieri ci sono state le firme dal notaio, oggi la regristrazione dell’atto) sarebbe pronta a pagare le prime pendenze. Nel corso dell’ultimo mercato invernale hanno lasciato la squadra Cassano, Paletta, De Ceglie, Rispoli, Acquah, Pozzi e Felipe.

Taci è il direttore generale di Taçi Oil International, azienda leader in Albania nell’estrazione del petrolio. Assieme al padre Mustafa, ha acquisito il KS Gramozi Erseke, portandolo in Kategoria Superiore, la massima serie del calcio albanese. Nel luglio 2014 ha preso le redini del club inglese del Leyton Orient, militante nella terza inglese, in comproprietà con l’imprenditore romano Francesco Becchetti.

serie A

parma calcio
Protagonisti:
Fonte: Repubblica

Commenti