Empoli-Cesena 2-0: i toscani rompono il digiuno, stop alla rincorsa romagnola

EMPOLI – Con un gol per tempo di Maccarone e Signorelli, l’Empoli batte 2-0 il Cesena e torna alla vittoria che in campionato mancava da due mesi e mezzo (0-2 a Parma lo scorso 23 novembre). Premiato il coraggio di Sarri, che ha mandato in campo una formazione spregiudicata con Verdi, Zielinski, Pucciarelli e Maccarone insieme dal primo minuto. Al Cesena non sono bastati gli spunti di Defrel, la rimonta per la salvezza resta durissima.
LA CRONACA, SARRI CAMBIA MODULO – Nell’Empoli recupera Tonelli in difesa, ma sono squalificati Croce e Saponara, allora Sarri cambia modulo passando a un offensivo 4-2-3-1 con Signorelli insieme a Valdifiori davanti alla difesa e il trio Pucciarelli-Verdi-Zielinski dietro a Maccarone. Di Carlo conferma De Feudis in mezzo al campo, affidandosi al talento di Defrel e alla fantasia di Brienza alle spalle di Djuric. Parte meglio il Cesena, pericoloso con Defrel, rapidissimo ad attaccare la difesa azzurra senza dare punti di riferimento, ma sulle palle alte per lo spilungone Djuric, fanno ottima copertura Rugani e Tonelli.

LA SBLOCCA MACCARONE – Poche occasioni da gol fino alla mezzora, quando un inspirato Maccarone sblocca la partita al termine di un’azione in cui difende la palla in area, si gira (difesa bianconera troppo molle), e fulmina di sinistro Leali con un bel tiro all’angolino. E’ il secondo gol consecutivo per Big Mac, dopo il rigore trasformato all’Olimpico contro la Roma. Lo stesso attaccante azzurro sfiora poco dopo la doppietta personale, sempre con un’azione personale, ma Renzetti evita il bis.

RIPRESA, SIGNORELLI CHIUDE – L’Empoli inizia alla grande la ripresa. Non passano nemmeno 2 minuti e Maccarone lancia Pucciarelli, sul cui tiro respinge bene Leali. All’11’ però arrivail raddoppio: da una rimessa laterale in zona offensiva, Mario Rui scambia con Maccarone, entra in area da sinistra e serve un assist perfetto per Signorelli, che insacca all’angolino destro. Il Cesena accusa il colpo e rischia di subire il tris ad opera di Verdi, ben lanciato da Maccarone, ma l’ex Torino prende l’esterno della rete. Entrano anche Rodriguez e Ze Eduardo, ma la difesa azzurra tiene bene. Soliti cambi in attacco per Sarri, che manda dentro Tavano e Mchedlidze. Nel finale, da un calcio d’angolo battuto da Brienza, Capelli sfiora il gol di testa: ma non è proprio giornata sotto porta per i ragazzi di Di Carlo. L’arbitro Orsato (autori di una buonissima direzione) fischia la fine e l’Empoli può così festeggiare un importantissimo successo.

TABU’ SFATATO – L’Empoli, dunque, festeggia la prima vittoria nel 2015, che in casa mancava dal 2-1 alla Lazio dello scorso 9 novembre. Finalmente dopo i complimenti, ci sono anche i 3 punti per Sarri. Passo indietro dopo due vittorie di fila, invece, per il Cesena che ha creato poco sotto porta. Nel prossimo turno, i toscani faranno visita a San Siro al Milan, mentre i bianconeri ospiteranno la Juventus.

EMPOLI-CESENA 2-0 (1-0)
EMPOLI (4-3-1-2): Sepe 6; Hysaj 6,5, Tonelli 6,5, Rugani 6,5, Mario Rui 6.5; Zielinski 6, Valdifiori 6, Signorelli 7; Verdi 6 (42’st Brillante); Maccarone 7.5 (31’st Mchelidze sv), Pucciarelli 6 (23’st Tavano 6). In panchina: Somma, Pugliesi, Bassi, Laurini, Barba. Allenatore: Sarri.
CESENA (4-3-1-2): Leali 6; Perico 5,5, Capelli 5,5, Krajnc 5,5, Renzetti 6; De Feudis 5.5 (37’st Carbonero sv), Giorgi 5,5, Pulzetti 5 (13’st Ze Eduardo 5.5); Brienza 5; Defrel 6, Djuric 5 (26’st Rodriguez 5.5). In panchina: Magnusson, Agliardi, Lucchini, Moncini, Bressan, Nica, Volta. Allenatore: Di Carlo.
ARBITRO: Orsato di Schio
RETI: Maccarone al 30′ e Signorelli al 56′
AMMONITI: De Feudis, Capelli, Mario Rui, Giorgi, Rodriguez, Mchelidze.
ANGOLI: 4-3 per l’Empoli
RECUPERO: 2′ e 4′

Fonte: Repubblica

Commenti