L’Avellino frena, 1-1 con la Ternana. Rastelli furioso: “Scippo dell’arbitro”

rastelliL’Avellino fallisce il pokerissimo, ma soprattutto manca il sorpasso su Vicenza e Bologna. Il pareggio (1-1) contro la Ternana è una frenata brusca dopo quattro vittorie consecutive. «Peccato, ma l’arbitro ci ha scippato due punti», nota Rastelli a fine gara, facendo riferimento al gol di Castaldo annullato per un fuorigioco inesistente nel finale. «A questi ragazzi non posso rimproverare nulla», ha sentenziato anche il presidente Taccone, che mastica amaro perché l’Avellino ha fallito la grande occasione di agganciare il secondo posto in classifica e inserirsi nella scia del Carpi capolista che martedì sera sarà il prossimo avversario in trasferta. «Andremo lì con una squadra arrabbiata», avverte Rastelli. Ma anche il tecnico è finito sotto accusa, i tifosi gli rimproverano di non aver avuto coraggio nel finale, quando forse era necessario inserire un attaccante in più in campo. Eppure la sfida contro gli umbri s’era messa bene: dopo 25’, rigore per fallo su Almici che Castaldo ha trasformato con freddezza siglando il gol numero 15 che lo colloca in vetta alla classifica dei cannonieri della B. Dopo soli 10’ il pari della Ternana, con un colpo di testa di Avenatti che ha beffato la difesa irpina. L’Avellino le ha provate tutte nella ripresa, ma non c’è stato nulla da fare. L’arbitro ha negato a Castaldo la legittima gioia di una doppietta, poi il portiere Brignoli ha abbassato la saracinesca e il risultato non è più cambiato.

La Repubblica

Commenti

Questo articolo è stato letto 354 volte