Inter, Mancini: “L’anno prossimo saremo da scudetto”

FIRENZE – L’Inter l’anno prossimo si giocherà lo scudetto, il domani di Roberto Mancini è – per ora – sulla panchina nerazzurra, conquistare un posto in Europa League è l’obiettivo della stagione. Sono questi i concetti espressi dal tecnico interista presente a Coverciano per la consegna della ‘Panchina d’Oro’ – premio vinto da Conte per il terzo anno consecutivo – L’allenatore – a margine dell’evento – dopo il pari contro il Napoli e in attesa di giocare in coppa col Wolfsburg, fa il punto sulla stagione. “Stiamo cercando di fare un certo tipo di lavoro per avere una buona base da cui ripartire, vediamo come va a finire. Per quest’anno dipende molto dalle prossime quattro partite. Questo è un campionato dove stiamo facendo errori ma da parte del gruppo ho visto grande applicazione”, spiega il Mancio proseguendo: “Inter da scudetto? Sì, sì. Questa fiducia è dovuta a quello che stiamo facendo, la base è ottima. L’anno prossimo puntiamo a lottare con Juve, Napoli e Roma”, e ancora: “Avremo anche la possibilità di lavorare insieme anche nella pre season. Vedo che i ragazzi migliorano, è chiaro che poi dovranno essere inseriti giocatori di esperienza e qualità e anche quelli che ci sono ora miglioreranno”. Sul futuro Mancini è prima ermetico: “Non credo sia importante se io sarò l’allenatore, comunque ho un contratto con l’Inter e c’è nessun tipo di problema”, poi apre uno spiraglio alla permanenza in nerazzurro: “Dico così perché nel calcio ne ho viste tante, in una settimana tutto può cambiare. Oggi comunque sono qui al 102 percento. Domani? Anche”.

OBIETTIVO EUROPA – “Sia noi che il Milan dobbiamo cercare di tornare a guardare più in alto, per quanto ci riguarda lavoreremo con questo obiettivo per l’anno prossimo. Sul Milan non so cosa dire”, spiega il tecnico dei nerazzurri proseguendo: “C’è un effetto-Mancini? Non so se sta pagando (l’effetto Mancini, ndc), di certo stiamo facendo il nostro lavoro, da qui alla fine ci sono ancora tre mesi, proveremo a entrare in Europa League. Da quando sono arrivato la mentalità dell’Inter è migliorata tantissimo, è una squadra che non aspetta, che comunque anche nei momenti di difficoltà può lasciare degli spazi agli avversari ma cerca di giocare, di fare gioco”.

ICARDI DIVENTERA’ GRANDE  –  “Mauro è molto migliorato in questi ultimi due mesi, è un giocatore fondamentale, anche perché segna e segnerà sempre, diventerà sicuramente un grandissimo attaccante. Icardi come Vialli? Hanno caratteristiche diverse, Vialli lavorava molto fuori area, però Icardi sta lavorando bene, sicuramente migliorerà. Vialli faceva un grande lavoro, arrivava alla fine della partita che distruggeva fisicamente gli avversari”.

MANCINI VOTA MONTELLA – “Col Wolfsburg ci attendono due partite molto difficili  –  sottolinea il Mancio – Ho fatto i complimenti ai ragazzi per come hanno giocato la partita a Napoli, ci sono quindi ottimi presupposti già per la gara di giovedì prossimo”. Infine, Mancini un pensiero lo ha dedicato Antonio Conte per la stagione 2013-2014. “E’ giusto che abbia vinto lui, ma ho votato Montella per come gioca la sua Fiorentina, che gioca bene”.
 

serie A

Inter
Protagonisti:
Roberto Mancini
Fonte: Repubblica

Commenti

Questo articolo è stato letto 233 volte