Empoli, Sarri: “Qui sto benissimo, potrei restare a vita”

AREZZO – Il suo nome ormai è da giorni accostato a quello del Milan nonostante le numerose smentite da una parte e dall’altra, fatto sta che Maurizio Sarri è l’allenatore più chiacchierato del momento. Dopo aver vinto la panchina d’argento per la stagione passata, il tecnico dell’Empoli oggi ha ricevuto a Sansepolcro il premio ‘La Clessidra d’oro’ perché, come recita la motivazione, ‘partendo dai dilettanti, è riuscito a distinguersi ai massimi livelli del professionismo’. “Può darsi che su di me ci siano dei forti pregiudizi e che diranno sempre che sono un tecnico che può allenare solamente ad Empoli o in società simili a questa. Però il nostro sforzo deve essere sempre quello di dimostrare il contrario, anche se poi io ad Empoli posso rimanere tutta la vita, perché ci sto benissimo”.

SASSUOLO NON E’ UNA PROVINCIALE – Domenica all’ora di pranzo al Castellani arriva il Sassuolo. “Quando una squadra davanti fa giocare attaccanti del calibro di Zaza, Sansone e Berardi, non ti puoi aspettare niente di semplice – ha aggiunto sul prossimo incontro di campionato della sua squadra -. Per le dimensioni della città, è considerata una provinciale, ma in realtà è una società con una forza economica da grande squadra. Per questo ci attende una partita difficilissima”.

serie A

empoli calcio
Protagonisti:
Maurizio Sarri
Fonte: Repubblica

Commenti