Nunzia Marciano: “Impossibile prevedere l’involuzione del Napoli”

marcianoNUNZIA MARCIANO, giornalista di Canale 8, è intervenuta a “NAPOLI MAGAZINE“, su Radio Punto Zero, trasmissione radiofonica dedicata al Calcio Napoli, che approfondisce i temi proposti sul web da NapoliMagazine.Com, in onda dal lunedì al venerdì, dalle 14.30 alle 16.00, condotta da Michele Sibilla e Antonio Petrazzuolo. Ecco quanto ha affermato: “La prestazione contro l’Atalanta è stata proprio incolore, è il termine giusto per definirla. Dobbiamo ringraziare ancora una volta Zapata che ci ha tolto dagli impicci. Ci avviciniamo ad un periodo di fuoco perché in pochissimi giorni gli azzurri hanno la possibilità di dare un’accelerata al loro cammino ed aggiungo, al proprio destino. Nessuno avrebbe mai potuto immaginare un’involuzione del genere ed in modo così repentino, forse ha ragione Benitez quando afferma che questa squadra non riesce ad acquisire continuità perché più di tanto non ce la fa, non riesce a mantenere alta la concentrazione ai massimi livelli in tutte le competizioni. In Europa è diverso perché sai che in quel periodo, in quei giorni, hai quei match da gestire e quindi gli azzurri riescono a dare il massimo. Europa League e Coppa Italia sarebbe comunque una bella accoppiata, che tra l’altro, aprirebbe anche le porte della Champions. Roma è l’ultima chiamata per ripartire in campionato, vincendo ne guadagnerebbe la classifica e soprattutto il morale. La morte di Pasquale D’Angelo mi ha colpito e colpisce molto perché è finito al seguito della maglia amata. Pasquale è stato un punto di riferimento non solo per il tifo ma anche per l’opinione pubblica perché le sue analisi, i suoi giudizi, oggettivamente molto appropriati e, spesso condivisibili, sono stati sempre tenuti molto in considerazione da tutti, addetti ai lavori e non. Sono certa che la tifoseria organizzata saprà fare tesoro di quanto ha fatto e del suo modo, sano e pieno di passione, di intendere il tifo”.

Commenti

Questo articolo è stato letto 379 volte

avatar

Tilde Schiavone

Sono una persona che riesce a star bene con se stessa solo se intorno a lei c' è armonia, questo è il motivo per cui cerco di risolvere i conflitti esistenti tra le persone che mi circondano;non amo i gioielli, specialmente quelli costosi, preferisco gli accessori di poco valore; non amo ricevere in regalo i fiori recisi: preferisco ammirarli nei giardini dove compiono il loro naturale ciclo vitale e non nei vasi dove hanno vita breve..Amo il blues,il canto del dolore, e il mio sogno è raggiungere un giorno quei luoghi che lo hanno visto nascere; Amo gli indiani d' america, la loro spiritualità e la loro cultura. non vivrei senza i dolci e la pizza. Sono campanilista, napolista, meridionalista ...maradonista. Adoro gli animali, ritengo che non siano loro le bestie e sono vegetariana. Non mi piace parlare, quel che sento preferisco scriverlo, so esprimermi meglio con una penna in mano anziché dinanzi a un microfono, amo inoltre il folclore della mia terra e cerco, attraverso l' Associazione Culturale Fonte Nova d cui sono Presidente, di preservarlo e diffonderlo ... e duclis in fundo AMO LA MIA NAPOLI, senza se e senza ma, ringrazio Dio perchè ha fatto sì che nelle mie vene scorresse il sangue del Sud!