Frenata Roma, sorpasso Lazio: 4-0 all’Empoli, è 2° posto

Klose festeggia il momentaneo 2-0 della Lazio sull’Empoli. I biancocelesti strappano alla Roma il secondo posto in classifica

I biancocelesti di Pioli piazzano l’ottava vittoria consecutiva in campionato e si prendono la seconda posizione. I giallorossi non vanno oltre l’1-1 a Torino. Riparte il Napoli: 3-0 alla Fiorentina. Palermo ok. L’Atalanta piega 2-1 il Sassuolo

Guarda la cronaca delle partite

Con un primo tempo devastante, la Lazio di Pioli strapazza l’Empoli 4-0 e va a prendersi la seconda posizione in classifica ai danni della Roma di Garcia. I giallorossi non vanno oltre l’1-1 a Torino e sono costretti a cedere la posizione che significherebbe qualificazione diretta in Champions League per la prossima stagione. Buone notizie anche per il Napoli. Dopo una settimana durissima, gli azzurri di Benitez che non vincevano da cinque giornate, piegano 3-0 la Fiorentina rilanciandosi nella lotta per la qualificazione in Europa League. Dopo otto partite, vince anche l’Atalanta di Reja (2-1 al Sassuolo), e il Palermo che ne fa tre all’Udinese. I bianconeri di Stramaccioni, a cui non basta l’11° gol in campionato di Di Natale, non riescono più a riprendersi (una sola vittoria nelle ultime dieci giornate).

Lazio-Empoli 4-0 – Dopo un discreto avvio della squadra di Maurizio Sarri, ci mettono poco i biancocelesti a passare in vantaggio. Ci pensa Mauri al 4’ che raccoglie di testa, un cross proveniente dalla destra di Cavanda. Sepe non può nulla. Al 31’ il raddoppio di Klose, sempre di testa su altro assist di Cavanda. Al 44’ il tris arriva grazie ad una sassata dalla distanza di Candreva. Nella ripresa, al 54’ Felipe Anderson fissa il risultato sul 4-0. I biancocelesti restano anche in 10 uomini: dopo aver sostituito De Vrij (infortunato), Novaretti si fa cacciare per doppia ammonizione al 58’.

Torino-Roma 1-1 – Dopo due vittorie consecutive, si fermano i giallorossi di Garcia. Primo tempo povero di emozioni a Torino. Nella ripresa, al 56’ l’episodio che cambia l’inerzia del match. De Rossi si infila tra le maglie della difesa granata, controlla il pallone, e si trova davanti a Moretti, contatto: per l’arbitro è rigore. Grandi proteste dei due calciatori (ammoniti entrambi), in realtà il penalty sembra un po’ generoso. Florenzi va sul dischetto e non sbaglia: 1-0. Pochi minuti dopo, però, azione dei padroni di casa: Bruno Peres tiene dentro un pallone sull’out alla destra di De Sanctis, Vives raccoglie in area e serve Maxi Lopez che pareggia: il suo terzo gol con la maglia del Torino vuol dire pareggio. Il risultato non cambia più fino alla fine, nonostante un palo di Florenzi a sei minuti dalla fine.

Napoli-Fiorentina 3-0 – Non riusciva più a fare bottino pieno da cinque giornate il Napoli di Benitez. Lo fa battendo la Fiorentina di Montella. Un gol nel primo tempo, due nel secondo: al 24’ un bel destro a giro di Mertens che non lascia scampo a Neto, al 71’ un tocco morbido di Hamsik, bravo a incunearsi tra le maglie della difesa viola. All’88’ Callejon su assist di Insigne segna il tris. Il divario tra le due squadre sarebbe stato anche più ampio: ma al 35’ nessuno vede che una sassata di Higuain, aveva oltrepassato la linea della porta difesa da Neto. Altro caso di gol-non gol.

Atalanta-Sassuolo 2-1 – Una doppietta di Denis: gran gol in rovesciata al 42’ e su calcio di rigore al 62’, regalano a Edy Reja una vittoria importantissima: è la prima da quando siede sulla panchina nerazzurra. I tre punti permettono all’Atalanta di mettere davanti alla zona retrocessione un buon margine (7 punti). Per il Sassuolo il momentaneo 1-1 è di Berardi al 58’. Un espulso per parte nella ripresa: Biava e Missiroli.

Udinese-Palermo 1-3 – Torna a vincere il Palermo di Iachini. L’Udinese, invece, non riesce a riprendersi: i bianconeri non vincono da cinque partite. Due gol nel primo tempo per i rosanero: Lazaar al 15’ e Rigoni al 21’. Nella ripresa arriva il primo gol del bulgaro Chochev, che porta le squadre sullo 0-3. Nel finale l’Udinese accorcia le distanze grazie a Di Natale, ma non basta.

Fonte: SkySport

Commenti